Finanziamento di tutti i gli impianti a Energia Rinnovabile

Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

Acquisto cessione cassetto fiscale superbonus 110% facciate 90% -50%

Acquisto cessione cassetto fiscale superbonus 110% facciate 90% -50%

acquisto cessione cassetto fiscale superbonus 110% bonus facciate 90% 

Finlumia permette la vendita, cessione immediata del cassetto fiscale relativo a opere di riqualificazione effettuate beneficiando del

  • superbonus 110% , del
  • bonus facciate 90% , del
  • bonus ristrutturazione 50%

Sconto in fattura o detrazione

Sconto in fattura o detrazione

Recenti disposizioni normative hanno introdotto nel nostro sistema tributario

  • delle alternative all’utilizzo diretto, da parte dei beneficiari, delle detrazioni fiscali.

Per determinate tipologie di spese per interventi edilizi è stata prevista la possibilità di usufruire, in alternativa alla detrazione, di

  • un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto,
  • di importo non superiore al corrispettivo stesso,
  • anticipato dal fornitore di beni e servizi relativi agli interventi agevolati.

Per queste stesse spese e

per quelle sostenute dai contribuenti in seguito alla diffusione della situazione emergenziale da Covid-19

  1. spese di sanificazione,
  2. per acquisto di dispositivi di protezione,
  3. di adeguamento dei luoghi di lavoro,

è stata introdotta anche la possibilità di cedere ad altri soggetti il credito d’imposta spettante.

Chi riceve il credito ha, a sua volta,

  • facoltà di cederlo ulteriormente, oppure
  • può utilizzarlo in compensazione nel modello F24.

Per sfruttare tali possibilità è necessario che l’interessato

  • lo comunichi all’Agenzia delle entrate,

mediante l’invio telematico di un apposito modello nel quale esercitare l’opzione per lo sconto o la cessione.

Proprio per gestire al meglio le ulteriori cessioni di questi crediti, l’Agenzia delle entrate

  • ha messo a punto un’apposita procedura web, denominata “Piattaforma Cessione Crediti”,

nella quale far confluire tutti i vari passaggi dei crediti d’imposta “cedibili” a terzi.

L’obiettivo di questa guida è quello di illustrare il funzionamento della piattaforma, presente nell’area riservata del sito dell’Agenzia

2. COS’E’ E A COSA SERVE

2. COS’E’ E A COSA SERVE

 Per quali crediti è possibile utilizzare la piattaforma

I crediti già inseriti in automatico nella piattaforma

Le informazioni su alcuni crediti cedibili sono già a disposizione dell’Agenzia e sono visibili nella piattaforma cessione crediti.

Si tratta, per esempio, dei crediti relativi:

  • a) al bonus vacanze, di cui sono titolari le strutture ricettive, a seguito dell’applicazione dello sconto concesso al cliente (articolo 176 del decreto legge n. 34/2020)
  • b) alle spese di sanificazione e per l’acquisto dei dispositivi di protezione individuale, DPI (articolo 125 del decreto legge n. 34/2020), di cui sono titolari i soggetti che le hanno sostenute
  • c) alle spese per l’adeguamento degli ambienti di lavoro (articolo 120 del decreto legge n. 34/2020), di cui sono titolari i soggetti che le hanno sostenute.

I titolari dei crediti di cui ai precedenti punti a), b) e c)

cessione del credito superbonus cessione cassetto fiscale acquisto cassetto fiscale superbonus bonus facciate 90%

  • accedono alla piattaforma dall’area riservata del sito dell’Agenzia e
  • possono visualizzare i propri crediti,
  • per comunicarne l’eventuale cessione ad altri soggetti.

VUOI LIQUIDIZZARE IL CASSETTO fiscale ecobonus

L'interessato letta l'informativa sotto riportata accetta espressamente la registrazione ed il trattamento dei propri dati che avverrà premendo il tasto 'Invia'.
Leggi l'informativa ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (Ue) 2016/679

I crediti non presenti nella piattaforma

I crediti non presenti nella piattaforma

Altri crediti cedibili non sono noti all’Agenzia

perché possono essere utilizzati dal titolare senza una preventiva comunicazione all’Agenzia stessa.

Si tratta, per esempio, dei crediti relativi:

d) ai canoni dei contratti di locazione di

  • botteghe e negozi (articolo 65 del decreto legge n. 18/2020) o
  • degli immobili a uso non abitativo e
  • affitto d’azienda (articolo 28 del decreto legge n. 34/2020),

di cui sono titolari i locatari e gli affittuari

e) alle detrazioni per Superbonus e altri interventi edilizi,

di cui sono titolari i soggetti che hanno sostenuto le relative spese.

Pertanto, i dati del credito e la relativa cessione

devono essere preventivamente comunicati dal titolare

attraverso le apposite procedure presenti nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia.

In questo modo il credito viene caricato nella piattaforma a nome del cessionario.

In particolare, i crediti di cui ai precedenti punti d) ed e) sono caricati nella piattaforma in seguito alla comunicazione:

• della cessione dei crediti relativi ai canoni dei contratti di locazione (punto d), che determina il trasferimento del credito dal titolare ad altri soggetti cessionari (anche i proprietari degli immobili)

 • delle opzioni relative alle detrazioni per Superbonus e altri interventi edilizi (punto e),

  1. che determinano il trasferimento della detrazione dal titolare ai fornitori che hanno realizzato gli interventi (in caso di opzione per lo sconto)
  2. oppure ad altri soggetti cessionari (in caso di opzione per la cessione del credito).

In tutti questi casi,

i cessionari dei crediti e i fornitori che hanno realizzato gli interventi

  • accedono alla piattaforma dall’area riservata del sito internet dell’Agenzia,
  • per confermare l’esercizio dell’opzione e accettare il credito,
  • al fine di utilizzarlo in compensazione tramite modello F24,
  • oppure comunicarne l’eventuale ulteriore cessione ad altri soggetti,

sempre tramite la piattaforma.

Riepilogando, la piattaforma deve essere utilizzata:

Riepilogando, la piattaforma deve essere utilizzata:

 • dai soggetti titolari dei crediti di cui ai precedenti punti a), b) e c), in qualità di cedenti, per comunicare l’eventuale cessione del credito ad altri soggetti

• dai cessionari dei crediti e dai fornitori che hanno realizzato gli interventi, di cui ai precedenti punti d) ed e), al fine di:

  • - confermare l’esercizio dell’opzione e accettare il credito
  • - comunicare l’eventuale ulteriore cessione del credito a soggetti terzi, in luogo dell’utilizzo in compensazione tramite modello F24.

 

I crediti accettati dai cessionari e dai fornitori

  • possono essere fin da subito ulteriormente ceduti a soggetti terzi,
  • anche parzialmente e in più soluzioni;

 

non sono previsti limiti al numero di ulteriori cessioni. 

 

Inoltre, dopo l’accettazione,

i crediti sono visibili anche nel cassetto fiscale del cessionario e del fornitore e

  • possono essere utilizzati, da subito, in compensazione tramite modello F24,
  • a meno che le disposizioni di riferimento non prevedano diversamente.

L’ulteriore cessionario visualizza sulla propria piattaforma i dati dei crediti ricevuti.

  • In caso di cessione comunicata per errore,

anche se il cessionario non accetta il credito ricevuto,

  • il cedente non può utilizzarlo in compensazione o cederlo ulteriormente.

È necessario, infatti, che

  • il cessionario rifiuti la cessione, attraverso l’apposita funzione della piattaforma,
  • perché chi cede erroneamente il credito possa tornare a disporne (anche eventualmente per riproporre la cessione con i dati corretti).

L’accettazione e il rifiuto non possono essere parziali e sono irreversibili.

La Piattaforma può esser estesa ad altre fattispecie compatibili con le sue funzionalità

Come si accede

Come si accede

La prima operazione da compiere è accedere,

dalla home page del sito dell’Agenzia delle entrate, all’Area riservata (il pulsante è visibile in alto a destra)

Per accedere cessione cassetto fiscale superbonus 110%

  1. occorre essere in possesso di una identità definita nell’ambito del Sistema pubblico di Identità Digitale (SPID, CIE o CNS)
  2. oppure delle credenziali rilasciate dall'Agenzia (fino a quando saranno in uso).

Alla piattaforma devono

  • accedere direttamente i soggetti interessati (cedenti e cessionari):
  • non è possibile avvalersi di intermediari,
  • né di procedure automatiche (bot).

Effettuato l’accesso all’area riservata si può raggiungere la piattaforma

  1. seguendo il percorso “La mia scrivania / Servizi per / Comunicare “e
  2. poi scegliendo il servizio “Piattaforma Cessione Crediti”.

super ecobonus 110% x case sinngole, ville

super ecobonus 110% x case sinngole, ville

Rinnovare la tua casa o villa grazie agli incentivi governativi è oggi possibile usufruendo del super bonus 110%. che annullerà i costi di ristrutturazione limitatamente a

  1. cappotto ,
  2. infissi , 
  3. fotovoltaico
  4. batterie di accumulo x la notte
  5. pompa di calore caldo freddo
  6. colonnina di ricarica auto elettrica

E se al condominio non bastano i fondi

per integrare " la quota mancante" Ecobonus o Sismabonus  ??!!

Se devi riqualificare la tua casa, è il momento di sfruttare i bonus con sconto in fattura fino all' 85% !!! Hai tempo fino a fine 2021

ATTENZIONE

Nell'ultima Manovra 31 dic 19 è stato annullata la cessione per importi di lavori inferiori a 200 mila eur

Quale è la differenza tra "PRESTITO CONDOMINIO" e il normale prestito ai condomini??

Quale è la differenza tra "PRESTITO CONDOMINIO" e il normale prestito ai condomini??

Quando il propietario accenderà un prestito CLASSICO dovrà presentare i suoi REDDITI ( modello UNICO o CUD) e verra valutata la sua CRIF , se a posto oppure no.... se ha ipoteche giudiziarie o altri impegni .

Puo darsi che qualche condomino abbia problemi , complicando le delibere...

Soprattutto vedrà il suo MERITO di CREDITO futuro diminuire in quanto appesantito da un altro prestito (per il condominio) .

E in futuro potrebbe vedersi negare un finanziamento importante proprio perchè già impegnato con il condominio.

In caso di ritardo nel pagamento ..verrà segnalato quale "CATTIVO PAGATORE" e il suo futuro creditizio compromesso....

Il vantaggio di PRESTITO CONDOMINIO

Il vantaggio di PRESTITO CONDOMINIO

Il prestito è concesso direttamente a tutto il Condominio, non verifichiamo gli impegni singoli  di ogni condomino, non chiediamo documenti a nessuno di loro, buoni o cattivi pagatori.

Non è richiesta fideiussione, e in caso di ritardo lieve non vi è nessuna segnalazione di cattivo pagatore, e ogni condomino sarà libero di accendere prestiti ulteriori dove gli pare.

Il nuovo Codice relativo ai Condomini ha modificato il concetto di solidarietà intoducendo delle prassi da rispettare , e quindi non sarà più possibile per il creditore attaccare indiscriminativamente  un qualunque condomino virtuoso in luogo del moroso.

Una assicurazione cauzionale da noi eventualmente fornita solleverà ogni condomino dai problemi di solidarietà verso i morosi.

Solidarietà condominiale?

Solidarietà condominiale?

Solidarietà passiva tra condomini

Con la riforma del condominio, approvata dal Parlamento nel novembre 2012, la situazione cambia 

Viene  introdotto un nuovo comma nell’art.63 delle disposizioni di attuazione del codice civile, che così ora dispone:

I creditori non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l’escussione degli altri condomini“.

Tale norma viene così a costituire la base per la solidarietà passiva tra i condòmini, con la attenuazione che

– prima di potersi rivolgere avverso i condòmini in bonis

– i creditori dovranno prima escutere il patrimonio di quelli morosi.

Solo se  questi ultimi sono soggetti falliti ovvero con un patrimonio incapiente ovvero inesistente, i creditori potranno allora rivolgersi avverso gli altri  condòmini.

approfondisci... Morosità del condomino...

approfondisci... Morosità del condomino...

Condomino moroso: ecco cosa può fare l’amministratore

Il condominio rappresenta una collettività di più persone che dividono gli stessi beni e servizi. È opportuno, quindi, che ci sia una collaborazione da parte di tutti i condòmininell’affrontare le dovute spese per il mantenimento dei beni di cui godono. Ma si sa, in un gregge vi è sempre una pecora nera che potrebbe rischiare di rovinare il quieto vivere. È il caso del condomino moroso, che si rifiuta di pagare e di partecipare agli oneri condominiali. Ma cosa rischia e come può comportarsi l’amministratore nei suoi confronti? Scopriamolo insieme.

COME RIMEDIARE ALLE MOROSITà NEL PAGAMENTO DELLE RATE?

? Assicurazione , difficile trovarla,

UTILIZZA LA FORMULA      "accantonamento"

  • ACCANTONANDO UN 10% AD OGNI RATA , si otterrà un TESORETTO che permetterà di tamponare eventuali morosità temporanee.
  • Ogni rata sarà maggiorata di un 10% , che non saranno soldi spesi in assicurazioni , ma semplicemente messi da parte, rimarranno come riserva fino all'estinzione del finanziamento , e salveranno i condomini da problemi creati nel pagare le rate condominiali.
  • Nel caso non vengano utilizzati , serviranno ad estinguere in anticipo  il prestito.

La riscossione degli oneri condominiali. Quando un condomino è moroso

La riforma del condominio, introdotta con la L. 220/2012, ha apportato modifiche rilevanti alla disciplina della riscossione dei contributi condominiali. Innanzitutto, è opportuno specificare che la riscossione delle spese spetta ad una persona, cioè all’amministratore (art. 1130 c.c.), il quale è tenuto alla ripartizione ed alla erogazione delle spese occorrenti per la manutenzione ordinaria delle parti comuni dell’edificio e per l’esercizio dei servizi comuni.

Tali spese, se sono di natura ordinaria, devono essere riportate nel bilancio preventivo e poi, a fine esercizio, in quello consuntivo. Se sono, invece, di natura straordinaria – come dei lavori di ripristino di una facciata – questi dovranno essere riportati nei relativi riparti di spesa dei lavori. Tutte le ripartizioni sono comunque decise ed approvate dall’assemblea condominiale.

Chiarito, quindi, che TUTTI i condòmini devono partecipare alle spese (abbiamo già visto in precedenza, in caso di locazione, cosa deve pagare l’inquilino e cosa deve pagare il proprietario), andiamo ora ad esaminare tutte le dinamiche riguardanti il condomino moroso, ovvero di quel condomino che non versa le quote condominiali dovute.

 

Il condomino moroso: la disciplina prevista dall’art. 63 Disp. Att. c.c.

La norma cardine in materia è il novellato articolo 63 delle Disposizioni di Attuazione del Codice Civile, il quale riconosce determinati poteri all’amministratore nell’agire contro il condomino moroso. Tra questi, all’amministratore viene attribuito il potere di agire in giudizio – tramite Decreto Ingiuntivo – per ottenere coattivamente le somme dovute senza alcuna necessità di un’autorizzazione dell’assemblea, oltre che poter sospendere al singolo moroso la fruizione dei servizi comuni suscettibili di godimento separato.

L’obbligo dell’amministratore di attivarsi nel recupero del credito nei confronti del condomino moroso

L’art. 1129 del Codice Civile prevede, al nono comma, che l’amministratore è tenuto ad agire per la riscossione forzosa delle somme dovute dagli obbligati entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio nel quale il credito esigibile è compreso. Ciò comporta, quindi, che nel caso in cui l’amministratore non adempi tale obbligo o nel caso in cui abbia omesso di curare diligentemente l’azione, potrebbe essere revocato dal suo incarico.

Si tratta di una norma stringente, che costringe l’amministratore di attivarsi entro un determinato termine (6 mesi dalla chiusura dell’esercizio) per garantire un’organizzazione molto più celere ed efficace, al fine di ristabilire gli equilibri economici all’interno del condominio.

Tuttavia, i condòmini, tramite delibera assembleare, possono comunque decidere di non agire per la riscossione forzosa nei confronti dei condòmini morosi. In questo caso l’amministratore non può che tacere, rispettando la volontà dei suoi rappresentati. Si tratta, sostanzialmente, di quei casi in cui le disagiate condizioni economiche del singolo portano ad un atto di clemenza da parte dell’assemblea.

Al di fuori del suddetto caso, l’art. 63 Disp. Att. c.c. attribuisce all’amministratore, come abbiamo già detto, il diritto-dovere di procedere alla riscossione coattiva dei contributi non corrisposti tramite apposito Ricorso per Decreto Ingiuntivo, il quale sempre tale norma specifica essere immediatamente esecutivo. Si tratta di una tutela privilegiata prevista ad hoc per il condominio, in quanto il ritardato pagamento delle quote condominiali incide sulla regolare conservazione delle parti comuni e sull’erogazione dei servizi comuni.

Condomino moroso: l’obbligo dell’amministratore di comunicare i nominativi ai creditori esterni

L’art. 63 Disp. Att. c.c. prevede che “i creditori del condominio non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l’escussione degli altri condomini”. L’amministratore, oltre a dover agire per la riscossione, è tenuto quindi anche acomunicare ad eventuali creditori esterni non ancora soddisfatti i dati dei condomini morosi, nel caso in cui ne facciano richiesta.

Ciò perché i creditori dovranno sapere i nomi dei soggetti contro cui potranno agire in via coatta, perché nel condominio sostanzialmente non esiste fin da subito una solidarietà tra condomini. Infatti:

  • I creditori del condomini, ottenuto il decreto ingiuntivo, dovranno agire esecutivamente nei confronti dei condomini morosi

  • Solo in seconda battuta, nel caso in cui il credito non sia stato soddisfatto dai morosi, potranno agire anche nei confronti di quelli in regola con i pagamenti

  • Se uno dei creditori interpella l’amministratore sul punto, quest’ultimo dovrà fornire tempestivamente i dati dei condomini morosi, affinchè il richiedente possa procedere verso tali soggetti.

Condomino moroso e nuovo proprietario: chi deve pagare?

L’obbligo di pagare le spese condominiali è un obbligo reale che grava sul singolo condomino in quanto proprietario di un immobile sito nel condominio.

Ciò comporta, quindi, che tale obbligo si trasferisce in capo al nuovo proprietario che subentra nell’immobile. In poche parole, chi acquista compra anche i debiti su quella casa, dovendo rispondere di tutte le spese che non sono state pagate dal condomino uscente, cioè del precedente proprietario dell’immobile.

È importante, però, tenere presente che la responsabilità del nuovo proprietario non è assoluta, ma l’art. 63 Disp. Att. c.c. prevede una responsabilità solidale del nuovo e del precedente proprietario.

Il condomino uscente resta infatti solidalmente obbligato con il nuovo condomino subentrato fino al momento in cui è stata trasmessa all’amministratore copia autentica del titolo che determina il trasferimento del diritto.

È bene, di conseguenza, che l’acquirente di un immobile verifichi sempre, prima dell’acquisto, che il venditore abbia regolarmente pagato tutti i contributi a suo carico, mentre il venditore deve comunicare il prima possibile all’amministratore il trasferimento del diritto di proprietà sull’immobile, al fine di non dover pagare – anche se in via solidale – i contributi condominiali.

Condomino moroso e l’usufruttuario

La nuova disciplina prevista dall’art. 67 Disp. Att. c.c. ha previsto espressamente unaresponsabilità solidale del nudo proprietario e dell’usufruttuario per il pagamento delle spese condominiali.

Ciò comporta, quindi, che anche in caso di debito vi sarà una responsabilità solidale.

Inquilino moroso. Chi risponde dei suoi debiti?

Come abbiamo già detto, nelle ipotesi di locazione, l’inquilino dovrà comunque pagare le spese condominiali di natura ordinaria previste dalla legge (art. 9 L. 392 del 1978).

Ma cosa succede se l’inquilino non paga le spese che gli spettano? Come abbiamo detto poc’anzi, l’obbligo di pagare le spese condominiali è un obbligo reale, che viene attribuito ai proprietari dell’immobile. Di conseguenza, nella ipotesi in cui l’inquilino non dovesse pagare le suo spese, a rispondere dei suoi debiti sarà sempre e comunque il proprietario.

L’amministratore, infatti, sarà tenuto ad agire contro il proprietario. Quest’ultimo, nelle ipotesi in cui sia stato costretto ad anticipare lui i pagamenti che spettavano all’inquilino, potrà esercitare diritto di rivalsa entro e non oltre 2 anni. Decorsi tale termine, il diritto del locatore al soddisfo di quanto pagato per gli oneri condominiali posti a carico dell’inquilino si prescrive.

Decreto Ingiuntivo contro il Condomino Moroso: cosa serve per ottenerlo

Il processo ingiuntivo è un procedimento abbastanza celere ed efficace. Questo mira all’emissione di un Decreto Ingiuntivo da parte del giudice sulla base di un diritto.

Il procedimento è azionabile tramite Ricorso, supportato – nel caso in cui si tratti di un diritto di credito – da idonea prova scritta.

In materia condominiale, i documenti necessari per poter ottenere un decreto ingiuntivo sono:

  • Il titolo che autorizza l’amministratore a chiedere il pagamento dei contributi, e cioè la delibera di approvazione dei bilanci dell’esercizio di riferimento
  • i bilanci e i relativi riparti di spesa (è indifferente che la ripartizione sia quella preventiva o quella consuntiva) i quali fungono da prova che testimonia l’esistenza di un debito certo, lunqido ed esigibile.

Le ricevute di pagamento, invece, non sono da considerarsi strettamente necessarie.

Prima di avviare l’azione giudiziale, sarà sempre necessario inviare prima una lettera di messa in mora, ex art. 1219 c.c.

Una volta ottenuto il decreto ingiuntivo dal giudice, questo sarà provvisoriamente esecutivo, permettendo quindi di poter avviare una fase esecutiva fin da subito. Ricordiamo, comunque, che contro decreto ingiuntivo, il condomino moroso potrà avanzare Opposizione a Decreto Ingiuntivo.



Condomino Moroso: la sospensione di servizi da parte dell’amministratore

Oltre che alla riscossione forzosa delle quote condominiali tramite Decreto Ingiuntivo, l’amministratore potrà anche “sanzionareil condomino moroso, sospendendogli la fruizione di determinati servizi.

La possibilità è prevista, ancora una volta, dall’art. 63 Disp att. c.c., il quale recita che l’amministratore, nel caso in cui la mora sia protratta per oltre sei mesi, potrà sospendere il condomino moroso dalla fruizione dei servizi comuni suscettibili di godimento separato.

Si potranno così negare al condomino moroso l’uso del posto auto, oppure l’utilizzo dell’ascensore (se dotata di chiave) ed altro ancora.

Grazie all' EcoBonus e al Sismabonus ,

  • ma anche al prossimo Bonus Facciate ,
  • è possibile usufruire di questa opportunutà UNICA e probabilmente irripetibile,
  • l'importante è cominciare prima del dicembre 2021,
  • data ultima per usufruirne.

Grazie alla cedibilità degli sconti fiscali a 10 anni

  • che lo stato ti concede,
  • potrai trasformarli in sconti in fattura ,
  • grazie alla disponibilità delle aziende fornitrici collegate alla ns. ESCO.

Ovvero non dovrai anticipare i costi della ristrutturazione

  • e poi aspettare 10 anni per detrarli dalle tasse,
  • ma questo valore, attualizzato
  • ti verrà scontato direttamente in fattura dalla ns. ESCO.

Regalarsi una casa nuova ed in classe NZEB a consumi quasi zero

Regalarsi una casa nuova ed in classe NZEB a consumi quasi zero

La tipologia di immobile più richiesta dal mercato immobiliare ,

  • con valori che ovunque si posizionano ai massimi di mercato.

Questo perchè

  • sia che tu la voglia abitare o affittare ,
  • non avrai praticamente nessun costo di gestione ,
  • per riscaldamento e raffrescamento,
  • abbattendo i costi per gas e luce,
  • che sono quelli più incidenti nella gestione di una casa in proprietà ,
  • e , naturalmente il massimo del comfort ..sempre
  • e senza problemi di stagione o sprechi.

Senza dimenticare che sarai un cittadino che ha smesso di inquinare !!

  • e quindi attento al clima del pianeta,
  • con tutti i benefici per  la comunità che ne derivano e
  • che lo stato riconosce in fatto di agevolazioni fiscali .

 

Il tuo carrello

Spedizione:
Totale:

Concludi l'acquisto

1

Indirizzo

Nome
Cognome
Indirizzo
Città
Provincia
CAP
Email

2

Spese di spedizione

Seleziona la spedizione
 

3

Metodo di pagamento

Seleziona un metodo di pagamento
 

grazie per l'aquisto

Importo totale:

Ordina