Finanziamento di tutti i gli impianti a Energia Rinnovabile

Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

Proroghe superbonus 110%

Proroghe superbonus 110%

Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito cassetto  fiscale di ecobonus superbonus 110%

superbonus 110% cessione del credito

superbonus 110% cessione del credito

  Collaboriamo in partnership con   

 imprese nella cessione del credito 

  e finanziamento lavori a SAL

di   Ecobonus & Sismabonus   

Superbonus 110%   

Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito cassetto  fiscale di ecobonus superbonus 110%

Superbonus 110% Finanziamento e cessione del credito Ecobonus & Sismabonus ,

Superbonus 110% Finanziamento e cessione del credito Ecobonus & Sismabonus ,

Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

A seguito di accordi nazionali con associazioni di settore-cessione del credito

A seguito di accordi nazionali con associazioni di settore-cessione del credito

 CESSIONE del CREDITO   superbonus 110% , Ecobonus

 

le richieste di imprese, professionisti, e amministratori di condominio saranno gestite dal ns consulente

 Facciamo tutto noi 

 calcoliamo il valori attualizzati della cessione del credito Ecobonus e Sismabonus e  mandiamo un offerta di acquisto del bonus

Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

Chi paga l'impresa durante i lavori? Prima della cessione del credito Superbonus 110Ecobonus %

Chi paga l'impresa durante i lavori? Prima della cessione del credito Superbonus 110Ecobonus %

 Finanziamento totale ,

  noi , anticipiamo i costi all'impresa 

 a Stato Avanzamento Lavori o S.A.L.

 

in questo modo non ci si dovrà preoccupare di trovare o anticipare  il costo dei lavori ,

che saranno anticipati a SAL dalla ns. ESCO all'impresa.

   E a fine lavori

pareggiamo con la cessione del  credito dei  Superbonus 110% ECO-SISMA-BONUS

Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

Ti interessa cedere il credito superbonus 110% SISMABONUS & gli ECOBONUS /Superbonus 110%scrivici

L'interessato letta l'informativa sotto riportata accetta espressamente la registrazione ed il trattamento dei propri dati che avverrà premendo il tasto 'Invia'.
Leggi l'informativa ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (Ue) 2016/679

Inviaci :

Inviaci :

1-Dati impresa

2-Dati e recapito professionista  e direttore lavori       commerciale@finlumia.it   

3-Dati condominio e amministratori o proprietario

4-Computo metrico

 Riceverai un preventivo economico con calcolato lo sconto in fattura in 10 gg 

superbonus 110% cessione del credito Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

  • A partire dal 1° giugno 2021, data dell’entrata in vigore del nuovo Decreto
  • si apre la possibilità di ottenere l’Ecobonus 110% anche per diversi altri soggetti.
  •  

Ecobonus 110%: chi sono stati i beneficiari finora?

Prima di scoprire chi saranno i nuovi beneficiari che potranno accedere all’Ecobonus 110%, facciamo un attimo un riepilogo dei soggetti che fino ad ora hanno potuto godere della maxi-detrazione al 110%.

Questi sono:

  1. Le persone fisiche su un immobile o su un massimo di 4 unità immobiliari disposte nello stesso edificio ma accatastate distintamente, al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa, arte e professione;
  2. I condomini, con lavori trainanti sulle parti comuni e lavori trainati nelle singole unità;
  3. Gli IACP (Istituti Autonomi Case Popolari) e gli enti che svolgono funzioni simili in tema di “in house providing” per interventi edilizi su edifici ERP da loro gestiti per conto dei Comuni;
  4. Le cooperative a proprietà indivisa, solo per interventi su immobili di proprietà della cooperativa ma affidati in godimento ai soci;
  5. Onlus e associazioni di utilità sociale che operano senza scopo di lucro;
  6. Onlus, associazioni di volontariato o di promozione sociale iscritte nei registri nazionali, o nei registri delle province autonome di Trento e Bolzano;
  7. Le società sportive dilettantistiche, unicamente per interventi edilizi da svolgere sui soli immobili o sulle parti di immobili adibiti a spogliatoi.Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

Finanziamento a SAL delle OPERE superbonus 110%

Finanziamento a SAL delle OPERE superbonus 110%

La nostra ESCO  rende disponibile liquidità a SAL per l’impresa e i professionisti,

  1. in fase di esecuzione dei lavori, prima della maturazione del bonus,
  2. anticipandolo e attualizzandolo, senza ulteriori oneri a carico dell’impresa.

I lavori saranno completamente pagati  a saldo zero ,

con la  sola cessione del credito da parte del cliente finale.

cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito  cassetto fiscale di ecobonus superbonus 110%

 

La procedura operativa è semplice per l’impresa o il professionista, inviando alla Esco i seguenti dati :

1.         Dati postali e fiscali del CONDOMINIO/VILLA e Amministratore / proprietario

2.         Dati postali e fiscali  dell’impresa esecutrice i lavori

3.         Dati e recapito del/i professionista/i coinvolti

4.         Computo metrico dei lavori e dei servizi relativi

5.         Documento preliminare di valutazione energetica

6.         Assicurazione professionisti

7.         Autorizzazione a costruire (CILA)

 

cessione credito superbonus 110%

 

Il nostro gruppo valuterà la congruenza dei dati ricevuti rispetto all’opportunità , non per analisi dei contenuti tecnici, ma come impostazione, organizzazione e ruoli nel progetto.

Entro 10/15 gg si restituiranno le osservazioni o in caso di valutazione positiva , il piano di pagamenti a SAL x  la cessione credito superbonus 110%

Conclusa questa fase seguiranno i contratti, quindi si potranno iniziare i lavori     

cessione credito superbonus 110%     Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

A- Note procedurali :

1- il rapporto tra impresa e cliente , sarà a carico dell’impresa e/o dei professionisti incaricati

2- l’impresa e i professionisti fattureranno direttamente alla ESCO che pagherà a SAL

3- la Esco ricaricherà interessi e commissioni e fatturerà al cliente che accetterà la fattura

4- il cliente pagherà la ESCO unicamente cedendo a fine lavori  il bonus

B-Note ulteriori Super bonus 110%

1-Lo sconto in fattura è al massimo del 100% , il 10% residuo è il premio attribuito a soggetti che trattengono il bonus senza cessione , e lo utilizzano solo in compensazione fiscale, senza cederlo.

2-La Esco con il ricevimento del credito fiscale , assocerà anche un finanziamento a SAL verso l’impresa subappaltata, senza ulteriori oneri sul progetto.

3-I pagamento delle fatture dei fornitori –impresa e professionisti-sarà regolato dalla Esco a mezzo finanziamento a SAL da inizio lavori , con anticipo e  con saldo a fine lavori.

4-Entro il fine lavori saranno saldati e regolati tutti i pagamenti delle parti , fornitori e cliente , fatta salva la cessione del credito che sarà contestuale alla fine lavori.

 

5-Il finanziamento sarà senza restituzione, rimanendo la Esco soddisfatta dalla sola cessione del credito Ecobonus

A- Note procedurali :

1- il rapporto tra impresa e cliente , sarà a carico dell’impresa e/o dei professionisti incaricati

2- l’impresa e i professionisti fattureranno direttamente alla ESCO che pagherà a SAL

3- la Esco ricaricherà interessi e commissioni e fatturerà al cliente che accetterà la fattura

4- il cliente pagherà la ESCO unicamente cedendo a fine lavori  il bonus

 

 

 

 

B-Note ulteriori Super bonus 110%

1-Lo sconto in fattura è al massimo del 100% , il 10% residuo è il premio attribuito a soggetti che trattengono il bonus senza cessione , e lo utilizzano solo in compensazione fiscale, senza cederlo.

2-La Esco con il ricevimento del credito fiscale , assocerà anche un finanziamento a SAL verso l’impresa subappaltata, senza ulteriori oneri sul progetto.

3-I pagamento delle fatture dei fornitori –impresa e professionisti-sarà regolato dalla Esco a mezzo finanziamento a SAL da inizio lavori , con anticipo e  con saldo a fine lavori.

4-Entro il fine lavori saranno saldati e regolati tutti i pagamenti delle parti , fornitori e cliente , fatta salva la cessione del credito che sarà contestuale alla fine lavori.

 

5-Il finanziamento sarà senza restituzione, rimanendo la Esco soddisfatta dalla sola cessione del credito Ecobonus

 

B-Note ulteriori Super bonus 110%

1-Lo sconto in fattura è al massimo del 100% , il 10% residuo è il premio attribuito a soggetti che trattengono il bonus senza cessione , e lo utilizzano solo in compensazione fiscale, senza cederlo.

2-La Esco con il ricevimento del credito fiscale , assocerà anche un finanziamento a SAL verso l’impresa subappaltata, senza ulteriori oneri sul progetto.

3-I pagamento delle fatture dei fornitori –impresa e professionisti-sarà regolato dalla Esco a mezzo finanziamento a SAL da inizio lavori , con anticipo e  con saldo a fine lavori.

4-Entro il fine lavori saranno saldati e regolati tutti i pagamenti delle parti , fornitori e cliente , fatta salva la cessione del credito che sarà contestuale alla fine lavori.

 

5-Il finanziamento sarà senza restituzione, rimanendo la Esco soddisfatta dalla sola cessione del credito Ecobonus

i LAVORI PAGATI IN ANTICIPO DALLA ESCO

i LAVORI PAGATI IN ANTICIPO DALLA ESCO

A differenza  del fai da te,

  • dove comunque l'impresa o il condominio devono provvedere a
  • trovare la liquidità per organizzare i lavori ,
  • per poi cedere il bonus a banche o ad altri operatori,
  • con la ESCO , grazie allo SCONTO in FATTURA si riesce ad ottenere subito la liquidità per sfruttare al massimo l' ECOBONUS-
  • Non dover limitare i lavori in funzione dei soldi che si devono anticipare è un gran bel vantaggio, ed è veramente un costo  zero . 

cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

 Super bonus 110% Eco Sisma  

Decreto crescita: Opportunità x Condomini e Ville 1° casa

Cosa è?

E’ un credito fiscale utilizzabile in 5 anni a partire dal successivo alla data di chiusura lavori .

Che lavori?

Lavori di ristrutturazione edili e impiantistici effettuati in un edificio indipendente ,

  1. A.    ville singole e a schiera autonome
  2. B.    condomini

Tutti i lavori godono del SUPER bonus ?

      No , solo

  1. i lavori esterni sull’involucro , eco-
  2. e di staticità antisismica- sisma

 

  1.     cappotto e coibentazione tetto,(rifacimento solo se abitabili)
  2.   caldaia unica – centralizzata x i condomini,
  3.     infissi
  4.    fotovoltaico e
  5. batterie accumulo e
  6. colonnine di ricarica auto
  7.    Consolidamento sismico

cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

 

Parti comuni e parti private

La detrazione per i condomini

  • è un'agevolazione a sé
  • che spetta esclusivamente per gli interventi realizzati sulle parti comuni
  • che consentono di ottenere il salto di due classi per l'edificio.

L'unico caso in cui

  1. si possono "sommare" interventi sulle parti comuni con interventi su tutte le parti private
  2. per raggiungere l'obbiettivo previsto dalla legge
  3. è quello della sostituzione degli impianti di riscaldamento privati con una caldaia comune. Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

Gli abusi da sanare

Gli abusi da sanare

La Cila per il Superbonus non richiede più  l'attestazione dello stato legittimo,

  1. quindi il progettista non deve verificare se l'edificio è in regola
  2. ma solo indicare gli estremi della licenzia edilizia,
  3. dell'eventuale sanatoria richiesta in passato,
  4. o che è stato edificato prima del 1° settembre 1967. 

il progetto va presentato in forma semplificata.

  • Questo non vuol dire, però, che il tecnico possa far finta di niente
  • se ci sono abusi che riguardano le parti comuni, ad esempio ampliamenti, come può capitare nei piccoli condomini.

I Comuni,  hanno il diritto di verificare

  • e in questo caso, scattano tutte le sanzioni previste
  • anche se non si perde il Superbonus,
  • compreso il blocco del cantiere.

Quindi gli abusi vanno sanati prima dell'avvio dei lavori.

Nessun problema, invece,

  1. se questi sono stati effettuati nei singoli appartamenti,
  2. dato che la detrazione condominiale riguarda solo le parti comuni
  3. e dovendo intervenire solo su queste il tercnico
  4. non deve fare nessuna verifica all'interno delle proprietà private. Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

Il sottotetto

Il sottotetto

 

E' possibile usare il Superbonus per rifare solo il tetto

  1. esclusivamente nel caso in cui questo copre appartamenti riscaldati,
  2. e a patto che il tetto superi il 25% di superficie disperdente lorda.

Se il sottotetto non è riscaldato

  1. non si può intervenire anche sul tetto
  2. si può  solo se si fa il cappotto su una superficie al 25% della superficie complessiva lorda al netto del tetto stesso,
  • come chiarito dalle Entrate con la risposta 247/2021. 

General contractor e costi indetraibili

 

 Se l'amministratore propone di affidare la pratica ad un general contractor,

  • ossia a un soggetto che garantisce di occuparsi di tutto,
  • dalla scelta dell'impresa alla pratica fiscale,

occorre considerare

  1. che la somma richiesta per i servizi dal general contractor non è ammessa al Superbonus
  2. così come la percentuale che l'amministratore chiederà ai condomini a valere sul contratto.
  3. Lo stesso per eventuali polizze contro la perdita dell'agevolazione.
  4. La detrazione, invece, è ammessa per tutte le fatture dei tecnici incaricati direttamente,
  5. come pure per il visto di conformità.

A cosa si applica il superbonus 110% Ecobonus

A cosa si applica il superbonus 110% Ecobonus

Massimali 

  1. INVOLUCRO -cappoto termico  60miala euro x unità -villa e appartamento     60k
  2. INFISSI-          finestre                                                                                                  30k
  3. impianto termico                                                                                                          30k
  4. fotovoltaico + batterie                                                                                                 48k
  5. sisma      solo zona 1-2-3  esclusa 4                                                                            96k

cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

il “Decreto rilancio” (D.L. 19 maggio 2020, n. 34, convertito con modificazioni in L. 17 luglio 2020, n. 77),superbonus 110%

il “Decreto rilancio” (D.L. 19 maggio 2020, n. 34, convertito con modificazioni in L. 17 luglio 2020, n. 77),superbonus 110%

Superbonus 110% per l’efficientamento energetico di

  1.  edifici condominiali, 
  2. unifamiliari - comprese le seconde case –
  3.  e delle unità immobiliari indipendenti inserite in edifici plurifamiliari,

nonché per l’installazione di 

  1. impianti fotovoltaici e 
  2. colonnine di ricarica per mobilità elettrica;

per interventi di 

       3- miglioramento statico e della tenuta sismica 

di edifici anche non abitativi, 

  • nonché per l’installazione di sistemi di monitoraggio sismico; 

Gli incentivi sono  previsti quali  credito d’imposta;  con la possibilità di “monetizzazione” anticipata del beneficio

  •  attraverso la cessione del credito d’imposta a terzi

 (anche ad intermediari finanziari)

 

 o  attraverso lo sconto in fattura con contestuale cessione del credito all’impresa edile

(che, a sua volta, potrà cedere a terzi il credito).

cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

 

 

La detrazione spetta per le spese sostenute tra il 1° luglio 2020 ed il 31 dicembre 2021

La detrazione spetta per le spese sostenute tra il 1° luglio 2020 ed il 31 dicembre 2021

 

  • ed è ripartita  su 5   quote  annuali:  

i  costi potranno essere recuperati entro i successivi 5 anni.

 Il  principio di imputazione delle spese è quello di cassa,

  •  per cui non si ha riguardo alla datadi fatturazione ma a quella di pagamento: 
  • la spesa è detraibile se il pagamento è avvenuto entro il 31 dicembre 2021.

Un incentivo analogo, con possibilità di “monetizzazione anticipata”, è stato previsto per tutti gli adeguamenti, anche edilizi ed impiantistici, necessari per lo svolgimento in sicurezza di attività produttive e commerciali.

cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

I BENEFICIARI

I BENEFICIARI

 IL SUPERBONUS 110% si applica  (art. 119, co. 9) a: 

 

1--Condomini di edifici ;

 2--Persone fisiche      al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, e  professioni,

 

  • per le quali la detrazione è  ammessa
  • su un  numero massimo di due unità immobiliari 
  •  anche se non siano  abitazioni principali) per richiedente

                   ad esclusione di     quelle accatastate

  A/1 (Abitazioni di tipo signorile),                 A/8 (Abitazioni in ville),

              A/9 (Castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici)

 cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

superbonus 110% cessione del credito

superbonus 110% cessione del credito

 3--Istituti Autonomi Case Popolari (IACP)

 ( le spese sono ammissibili fino al 30 giugno 2022),

 4--Enti   

aventi le stesse finalità sociali istituiti in forma di  società e rispondenti alla legislazione europea in  materia di in house providing

limitatamente agli interventi realizzati su immobili  di loro proprietà ovvero gestiti per conto dei   comuni, adibiti ad edilizia residenziale pubblica;

5--Cooperative di abitazione a proprietà indivisa,

 limitatamente agli interventi realizzati su immobili  dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai  propri soci;

6--Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS),

 organizzazioni di volontariato iscritte nei registri di  cui all’articolo 6 della legge 11 agosto 1991, n.266, e 7--Associazioni di promozione sociale (APS)

iscritte nel registro nazionale e nei registri regionali e delle provincie autonome;

 7--Associazioni e società sportive dilettan

  iscritte nel registro istituito ai sensi dell’articolo 5, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 23 luglio  1999,  limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili  p parti    di immobili adibiti a spogliatoi.

cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

Trainanti due tipologie di interventi di efficientamento

Trainanti due tipologie di interventi di efficientamento

1----  l’Isolamento termico delle superfici opache  

  1.  verticali (pareti),
  2.  orizzontali (coperture) 
  3. ed inclinate (ad es. il tetto)

che interessano l’involucro dell’edificio

con un’incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda dell’edificio:

  • per involucro dell’edificio si intendono tutte le superfici di contatto con l’esterno
  •  o con locali non riscaldati,
  •  mentre per superfici opache tutte quelle realizzate in materiali non trasparenti;

cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

2° TRAINANTE ...pompa di calore +acs

2° TRAINANTE ...pompa di calore +acs

 2--la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti 

con impianti centralizzati - in caso di edifici plurifamiliari -

  1.  per il riscaldamento,
  2. il raffrescamento o
  3. fornitura di acqua calda sanitaria 

aventi le caratteristiche prestazionali individuate nel decreto

cessione credito superbonus 110%Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

Trainanti due tipologie di interventi di efficientamento

Trainanti due tipologie di interventi di efficientamento

L’effettuazione di tali interventi c.d. trainanti permette di fruire della detrazione del 110% anche 

  1. installazione di pannelli fotovoltaici
  2. e colonnine di ricarica

quindi, qualora gli interventi siano svolti congiuntamente 

  1. all’isolamento termico dell’edificio o
  2. alla sostituzione degli impianti di climatizzazione (interventi c.d. trainanti),

si applicano nella misura del 110% dei costi sostenuti anche:

l’acquisto e la posa in opera di

  1.  schermature solari,
  2.  micro-cogeneratori e 
  3. impianti di climatizzazione a biomasse combustibili;

 

       4.all’installazione di pannelli solari fotovoltaici;

 

        5.(colonnine di ricarica);

cessione credito superbonus 110%

 

Nel caso di immobili

  • sottoposti ai vincoli di cui al d.lgs. n. 42/2004 (codice dei beni culturali e del paesaggio)
  • ovvero nel caso in cui gli interventi c.d. trainanti siano vietati dagli strumenti urbanistici locali,

gli interventi di cui sopra potranno essere svolti indipendentemente dall’effettuazione di uno degli interventi trainanti beneficiando comunque della detrazione al 110% (v. art. 119, comma 2, u.p.).

La detrazione al 110% per 

  1. pannelli fotovoltaici e per
  2.  l’installazione di colonnine di ricarica 
  3. è applicata anche nel caso in cui tali interventi fossero svolti assieme ad interventi di carattere antisismico.

Gli interventi predetti sono ammessi alla detrazione del 110% solo ove si consegua, globalmente (ossia anche cumulando i risultati, in termini di efficientamento, di ogni singolo intervento), un miglioramento di almeno 2 classi energetiche, risultante da A.P.E.

In relazione agli interventi di messa in sicurezza statica e consolidamento antisismico, sono state elevate al 110% dei costi sostenuti, a prescindere dall’effettuazione di uno degli interventi c.d. trainanti:

cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

 

Oltre alla maggiorazione della detrazione, il decreto superbonus 110% prevede la possibilità di cedere il credito d’imposta a terzi

Oltre alla maggiorazione della detrazione, il decreto superbonus 110% prevede la possibilità di cedere il credito d’imposta a terzi
  1.  (anche intermediari finanziari) o 
  2.  di scontarne l’importo in sede di fatturazione.

 Nel caso di cessione del credito e per lo sconto in fattura,

  • cui segue la cessione del corrispondente credito all’impresa edile
  • la quota di credito d'imposta non utilizzata dal cessionario nell’anno
  • non potrà essere usufruita negli anni successivi e non si potrà chiedere il rimborso

 

 i contribuenti interessati, in luogo della detrazione dalla propria imposta, possano optare:

 

a)    per un contributo di pari ammontare sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto al fornitore che ha eseguito gli interventi.

  • Lo sconto praticato sarà poi recuperato dal fornitore sotto forma di credito d'imposta;
  • questi potrà a sua volta cedere il relativo credito a soggetti terzi,
  • ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari;

b)         la trasformazione dell' importo in credito d'imposta,

  • monetizzabile mediante cessione ad altri soggetti,
  • compresi istituti di credito e altri intermediari finanziari.

cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

 

superbonus 110% ecobonus cessione del credito : Visto di conformità CAF

superbonus 110% ecobonus cessione del credito : Visto di conformità CAF

 il contribuente richiede il visto di conformità dei dati

  • relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti
  • che danno diritto alla detrazione d’imposta per gli interventi 

  Il visto di conformità è rilasciato 

  1. dai responsabili dell'assistenza fiscale dei centri costituiti
  2. dottori commercialisti,
  3. dai ragionieri,
  4. dai periticommerciali,
  5. dai consulenti del lavoro,
  6. associazioni sindacali di categoria tra imprenditori 
  7. nonché quelle che associano soggetti appartenenti a minoranze etnico-linguistiche),
  8. centri di assistenza fiscale e
  9. dagli altri incaricati individuati con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze

 

 

 cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

ASSEVERAZIONE DI CONGRUITA': In sede di opzione sarà necessario produrre

ASSEVERAZIONE DI CONGRUITA': In sede di opzione sarà necessario produrre

A-per gli interventi di efficientamento energetico,

  1. l’asseverazione da parte di un tecnico abilitato
  2. e la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati;

·B-  per gli interventi in materia antisismica,

  1. l'attestazione asseverata dai professionisti incaricati della progettazione
  2. strutturale, direzione dei lavori e collaudo statico

secondo le rispettive competenze professionali)

  • circa l’effettiva capacità di riduzione del rischio sismico degli interventi agevolati 
  • circa la congruità delle spese sostenute.

 per il giudizio di congruità delle spese sostenute dovrà farsi riferimento ai prezzari di cui al decreto interministeriale attuativo adottato sulla base dell’art. 119, comma 13, lett. a).

  • Le asseverazioni di cui sopra potranno essere rilasciate al termine dei lavori o per ogni stato di avanzamento dei lavori, fermo restando,  che

 

  1. “gli stati di avanzamento dei lavori non possono essere più di due per ciascun intervento complessivo e
  2. ciascuno stato di avanzamento deve riferirsi ad almeno il 30 per cento del medesimo intervento”.

 cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

1- CAPPOTTO TRAINANTE ---SUPERBONUS 110% ECO SISMA ....MASSIMALI DI SPESA

1- CAPPOTTO TRAINANTE ---SUPERBONUS 110% ECO SISMA ....MASSIMALI DI SPESA

cessione credito superbonus 110% 

Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110% finanziamento a sal imprese edili

2- IMPIANTO TRAINANTE CALDAIE ....SUPER BONUS 110% INTERVENTI TRAINANTI E TRAINATI

2- IMPIANTO TRAINANTE CALDAIE ....SUPER BONUS 110% INTERVENTI TRAINANTI E TRAINATI

cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

La detrazione spetta, con riferimento agli interventi di efficientamento energetico, solo ove si consegua il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio

La detrazione spetta, con riferimento agli interventi di efficientamento energetico, solo ove si consegua il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio

 (da dimostrare mediante l’attestato di prestazione energetica (A.P.E)

ante- e post- intervento) ovvero, se non possibile, la classe energetica più alta.

L’A.P.E. convenzionale dovrà riferirsi all’intero edificio nel caso di interventi svolti su edifici condominiali o su parti comuni.

Sono coperte dalla detrazione anche le spese sostenute per

il rilascio delle attestazioni e delle asseverazioni previste dal decreto (in particolare,

  1. A.P.E., convenzionale
  2. attestazione circa il rispetto dei requisiti tecnici richiesti e circa la congruità delle spese),
  3. nonché del visto di conformità -caf-per accedere all’opzione (comma 11).

Rientrano tra i costi detraibili anche gli oneri per le prestazioni professionali connesse alla realizzazione degli interventi.

cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

SUPER BONUS 110%  2020 

Gentile professionista/ impresa  ,

  1. L’intervento governativo definito come decreto RILANCIO dello scorso 19 Maggio  (decreto 34/2020), 
  2. dà la possibilità di ottenere (o cedere)  un credito di imposta  di valore pari al 110%
  3. della spesa sostenuta per miglioramento energetico e/o sismico di un edificio ,
  4. sia esso prima casa unifamiliare o condominio (Titolo VI –art 119 della citata legge).

Troverai un dettaglio al link

https://www.diritto24.ilsole24ore.com/art/avvocatoAffari/mercatiImpresa/2020-05-21/con-dl-rilancio-ecobonus-e-sismabonus-110percento-grande-opportunita-l-efficientamento-energetico-ed-antisismico-edifici-110155.php?refresh_ce=1

Il Super Bonus 

  1. permette un abbattimento sotto forma di bonus fiscale da utilizzare nei 5 anni successivi, di tutti i costi sostenuti per le opere di riqualificazione,
  2. ma soprattutto, grazie alla possibilità della sua cessione,  
  3. può anche concretamente finanziare l’impresa appaltante e
  4. rimuovere gli impegni finanziari del cliente.

cessione credito superbonus 110% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

 

Quando fare tutti i lavori di riqualificazione del condominio

Quando fare tutti i lavori di riqualificazione del condominio

 Per tutto il 2020 e 21 questo è fattibile 

 

  1. grazie ai forti abbattimenti legati all'ECOBONUS e al SISMABONUS
  2. che ti fanno risparmiare fino al 75% o l 85% , oggi 100% dell'importo del preventivo.
  3. E si potrà cedere il credito Ecobonus e Sismabonus alla Esco ,
  4. anche con finanziamento   anticipato a SAL  della Esco che pagherò in anticipo  l'impresa appaltatrice.
  5. e oggi anche per la 1a casa e condomini 110% di super Ecobonus, con cessione del credito fiscale al 100% Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

SUPER ECOBONUS 110%

SUPER ECOBONUS 110%

Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

Quando fare i lavori per rientrare nei superbonus fiscali

Quando fare i lavori per rientrare nei superbonus fiscali

l super Ecobonus e Sismabonus arrivati con il Decreto Rilancio

  • sono bonus straordinari
  • che consentono di fare
  • alcuni lavori di ristrutturazione  a costo zero. 

 I superbonus saranno in vigore per diciotto mesi:

  • dal 1° luglio prossimo al 31 dicembre 2021.

In realtà gli incentivi

  1. possono riguardare anche lavori già in corso,
  2. ma l’agevolazione fiscale sarà calcolata
  3. solo sulle somme pagate esattamente tra le date
  4. del 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021.

cessione credito superbonus 110%

Chi può fare usufruire del super Ecobonus

Chi può fare usufruire del super Ecobonus

Gli interventi regalati con il super Ecobonus: devono riguardare

  1. condomini o
  2. case indipendenti,
  3. non in costruzione,
  4. che siano prima casa. 

 Lo sconto fiscale  super Ecobonus sarà riconosciuto anche per gli interventi effettuati

  • che non siano villette unifamiliari. 
  • sulle “seconde case”,
  • Quindi se l’efficienza energetica della tua casa migliora ed è  all’interno di un condominio, anche se è una seconda casa, il lavoro di restauro sarà incentivabile
  • possono usufruire del bonus le persone fisiche. 
  • Sono escluse dall’esercizio le
  • attività di impresa, arti e professioni
  • (quindi non possono usufruirne
  • uffici, negozi, laboratori, ecc).
  • Fanno eccezione ile opere fatte  dagli Iacp (Istituti autonomi case popolari) o da imprese e cooperative che hanno finalità sociale.Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110%

Lavori incentivati dal super Ecobonus

Lavori incentivati dal super Ecobonus

Sono agevolati al 110%:

  1. le opere  di coibentazione (isolamento) dell’edificio che riguardino oltre il 25% dell’intonaco, 
  2. con un tetto massimo di 60mila euro per singola unità immobiliare

 interventi sugli edifici unifamiliari 

per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale 

  1. con impianti a pompa di calore,
  2. inclusi gli impianti ibridi o geotermici,
  3. anche abbinati all’installazione
  4. di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo
  5. e impianti di microcogenerazione.

 

 

La detrazione va calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a 30.000 euro

 

gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominial

per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti

con impianti centralizzati:

  1. a condensazione (con efficienza almeno pari alla classe A)
  2. a pompa di calore (inclusi gli impianti ibridi o geotermici,
  3. anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo)
  4. a microcogenerazione.

Anche in questo caso la detrazione è calcolata

  • su un ammontare complessivo delle spesenon superiore a 30.000 euro
  • , per ciascuna unità immobiliare del condominio.

Lavori gratis se effettuati insieme ai lavori previsti dal super Ecobonu

Lavori gratis se effettuati insieme ai lavori previsti dal super Ecobonu
  1. l’installazione di impianti fotovoltaici,
  2. con tetto massimo di spesa di 48mila euro per edificio

tutti gli interventi di miglioramento energetico previsti dall’Ecobonus 50% e 65% attualmente in vigore.

, se approfitti del super Ecobonus per

 

  1. coibentare le pareti esterne della tua casa e
  2. contemporaneamente sostituisci le finestre,

anche questo lavoro godrà dell’incentivo fiscale del 110%.

cessione credito superbonus 110%

 Per ottenere il superbonus 110% è necessario che i lavori

  1. portino ad un miglioramento di almeno due classi energetiche o
  2. che in alternativa il miglioramento sia il massimo tecnicamente raggiungibile.

E’ necessario dimostrare questo aspetto tramite

  1. l’APE (Attestato di prestazione energetica),
  2. un documento che viene rilasciato da un tecnico certificato.
  3. Gli interventi dovranno essere comunicati all’Enea.

 

Attenzione,

però, se contestualmente con i lavori previsti dal super Eco bonus 110%

  1. demolisci una parete o
  2. rifai l’impianto idrico, o
  3. fai altre opereche non migliorano le prestazioni energetiche ,

questi stanno  nel Bonus ristrutturazione,

per il quale è previsto solo il 50% di detrazione Irpef in ben  dieci anni.

cessione credito superbonus 110%

 

Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110% finanziamento a sal imprese edili

 

La normativa di Ecobonus e Sismabonus

La normativa di Ecobonus e Sismabonus

 Come funziona la cessione 

  del credito d'imposta ?   

 

Grazie alla possibilità di finanziamento della cessione del credito ecobonus e sismabonus derivante dai lavori di riqualificazione 

  • i condòmini non dovranno più attendere 10 anni 
  • per recuperare l'importo soggetto a detrazione,
  • ma potranno utilizzare l' ecobonus
  • grazie alla cessione del credito in un'unica soluzione
  • come anticipo sui lavori pagando così sola parte residua.

    Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110% finanziamento a sal imprese edili

Normativa: come si puo pagare la differenza tra l'ecobonus e il totale costi

Normativa: come si puo pagare la differenza tra l'ecobonus e il totale costi
  1. Il condominio può saldare il valore dei lavori non coperti da cessione del credito Ecobonus in 3 modalita ammesse

     A-tramite il pagamento di un’unica fattura. 

 

In tal caso, per poter usufruire delle detrazioni fiscali e cedere il relativo credito, Ecobonus e Sismabonus

 

  la fattura dovrà essere saldata entro    il 31 dicembre   

 dell’anno di realizzazione dei lavori, prima della fine lavori. Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110% finanziamento a sal imprese edili

 B- OPPURE            Servizio FINLUMIA 

 (pagamento dilazionato Energy plus): 

il condominio può,

  1. in presenza di un impianto termico centralizzato per la produzione di riscaldamento e/o ACS,
  2. finanziare il valore dei lavori non coperti da cessione del credito ecobonus/ sismabonus
  3. tramite un contratto pluriennale di Servizio FINLUMIA (D.lgs. 115/2008). Girando lla esco la bolletta

 

 

 In questo caso il condominio ha un doppio vantaggio: 

 

  1.  NESSUN ANTICIPO SUI LAVORI:
  2. FINLUMIA oltre ad acquistare la cessione del credito fiscale ecobonus ( cessione del credito),
  3. finanzia completamente l’importo a saldo dei lavori in bolletta
  4.  RIDUZIONE IMMEDIATA DELLE SPESE:
  5. i lavori di riqualificazione combinati all’attività di gestione della centrale termica generano un minor consumo di energia che, oltre a ripagare la spesa relativa ai lavori, garantisce un risparmio economico

cessione credito superbonus 110% 

Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110% finanziamento a sal imprese edili

 C - Finanziamento BANCARIO diretto al condominio 10 anni 

  • E' la soluzione più complicata 
  • in questo caso una banca farà al condominio un prestito anche decennale per l'importo necessario ,
  • il finanziamento è al codominio e non al singolo condomino
  • vedi pag 12 

    Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110% finanziamento a sal imprese edili

ATTENZIONE al VECCHIO  ECOBONUS sempre in vigore

Massimali x tipologia di intervento Ecobonus

Massimali x tipologia di intervento Ecobonus

Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110% finanziamento a sal imprese edili

  1. Superbonus 110%: cessione del credito e sconto fattura sono le due modalità alternative per utilizzare la detrazione fiscale in dichiarazione dei redditi.
  2. Qual è la differenza tra i due strumenti, quale è conveniente e soprattutto come funzionano?
  3.  Con la pubblicazione del provvedimento dell'Agenzia delle Entrate dell'8 agosto 2020, il perimetro delle regole per l'accesso al superbundle è già definito.
  4.  Tuttavia, l'indennità di credito e lo sconto sulla bolletta si applicano anche alle indennità ordinarie di alloggio, dalle riduzioni delle ristrutturazioni al bonus per chi acquista un alloggio antisismico.
  5.  Due strumenti con differenze diverse, ma accomunati da una novità significativa: ad essere interrogati dal successo del prestito ecologico al 110% sono anche le banche, che potranno sostenere il contribuente o la società cessionaria dell'imposta sul credito.
  6.  Partiamo quindi dalla differenza tra sconto fattura e bonifico, per capire davvero i motivi dell'entusiasmo generato dal bonus verde 110%.
  7.  Ecobonus 110%: differenza tra bonifico e sconto fattura
  8. Ad accompagnare l'ingresso in scena del bonus verde del 110% c'era lo slogan delle "ristrutturazioni gratuite".
  9.  Dalla data di entrata in vigore del Decreto di Rilancio si è generato un inevitabile tam tam di quesiti, ai quali solo oggi trovano risposta grazie alla pubblicazione del set dei decreti esecutivi e dei provvedimenti per il pieno funzionamento del superbono.
  10.  La domanda che molti si fanno è: puoi davvero rinnovare la tua casa gratuitamente grazie al nuovo bonus? La risposta è, in parte, sì.

SUPER ECOBONUS

bonus 110----2

Novità 2020 EcoSisma bonus standard ,cessione solo da 200 mila in su e solo a condomini

VECCHIO ECOBONUS 6 GENNAIO 2020 ORA INTEGRATO DAL SUPER DECRETO RILANCIO

  La legge di Bilancio 2020 ha abrogato una norma fiscale importante    

in tema di ristrutturazioni edilizie.

  • Fino 31 dicembre 2019, chi otteneva l’ ecobonus o del sismabonus poteva chiedere lo scontoin fattura, risparmiando sull' esborso immediato all’azienda responsabile dei lavori (che a sua volta otteva un credito d’imposta).
  • Questa modalità è stata cancellata da inizio  gennaio per gli interventi sui singoli appartamenti o ville.

  BRUTTE NOVITÀ ECOBONUS E SISMABONUS: GLI SVANTAGGI PER I CONTRIBUENTI…  

  •  I contribuenti non potranno più monetizzare subito il bonus: per godere del beneficio fiscale devono aspettare la dichiarazione dei redditi , quindi l'anno successivo  a quello in cui sono stati fatturati gli interventi edilizi.
  • Questa  variazione rischia di avere conseguenze negative sul mercato delle ristrutturazioni,
  • perché molti clienti – senza lo sconto immediato in fattura –
  • non potranno più permettersi di pagare l'impresa edile e
  • rinunceranno in tutto o in parte ai lavori.

  MA ANCHE VANTAGGI PER LE PICCOLE IMPRESE  

  • D’altronde , l’abrogazione dello sconto in fattura
  • restituisce competitività alle imprese più piccole,
  • che non hanno solitamente la capienza fiscale sufficiente per accumulare le detrazioni d’imposta dei clienti.

  QUINDI , SCONTO IN FATTURA SOLO PER LE PARTI COMUNI DI CONDOMINI  

  1. All'interno della manovra (articolo 1, comma 70) si legge anche che
  2. “a partire dall' 1 gennaio 2020, e solo per gli interventi di ristrutturazione importante di primo livello (…)
  3. per le parti comuni dei condomini, con  importo dei lavori pari o superiore a 200.000 euro,
  4. il soggetto avente diritto alle detrazioni può scegliere (…) 
  5. un contributo di pari ammontare sotto forma di sconto sulla fattura 
  6. del fornitore che ha effettuato gli interventi e
  7. da quest’ultimo utilizzabile nella forma di credito d’imposta
  8. da usare esclusivamente in compensazione sulle imposte a venire ,
  9. in cinque quote annuali di pari importo”.
  10. Quindi , al riguardo di ecobonus e sismabonus,
  11. per quanto riguarda il vecchio Eco Sisma bonus
  12.  unicamente per le ristrutturazioni delle parti comuni dei condomìni e
  13. solo se il costo dei lavori è pari o superiore a  200mila euro.

Bonus facciate 2020

i massimali di ECOBONUS e SISMABONUS modello 2019

i massimali di ECOBONUS e SISMABONUS modello 2019

SERVIZIO FINLUMIA

acquisto del valore del credito ecobonus / sismabonus dei lavori di riqualificazione e finanziamento della quota residua 

Finanziamento a SAL dei lavori all'impresa

anticipiamo il finanziamento dei lavori all'impresa 

GARANZIE

tutte le tecnologie installate da FINLUMIA sono garantite fino a 10 anni

DETRAZIONI FISCALI CRESCENTI

al condominio viene applicato il livello massimo di detrazione su tutti i lavori

ecco l'ecobonus e il sismabonus con possibilità di cessione del credito versione 2019

ecco l'ecobonus e il sismabonus con possibilità di cessione del credito versione 2019

ESEMPIO

Tutti i lavori scontati grazie cessione del credito fiscale, ecobonus e sismabonus

Tutti i lavori scontati grazie cessione del credito fiscale, ecobonus e sismabonus

Lavori condominio gratis grazie allo sconto in fattura e cessione del credito fiscale di ecobonus superbonus 110% finanziamento a sal imprese edili

SUPER ECOBONUS Condomini  privati e pubblici

Leggi di Bilancio  2019/20  AGEVOLAZIONI Condomini pubblici e privati

 Ecobonus e Sismabonus   sono Incentivi 

crediti d’imposta   in % delle spese sostenute per gli interventiche migliorano  le prestazioni energetiche e la Classe di rischio sismico

 Il Credito d’Imposta  può essere ceduto, come pagamento alle aziende  che hanno realizzato gli interventi su condomini

 

 SISMABONUS  e ECOBONUS  ora   sì  cessione    per lavori su singole unità;

Sismabonus ed Ecobonus per i condomini

Sismabonus ed Ecobonus per i condomini

La legge di bilancio 2019

ha introdotto una nuova detrazione

quando

  • si realizzano interventi su parti comuni di edifici condominiali,
  • ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3,

finalizzati congiuntamente:

  1. alla riduzione del rischio sismico , ecobonus
  2. alla riqualificazione energetica. sismabonus

In questi casi, dal 2018 si può usufruire di una detrazione pari:

  1.  all’80%, se i lavori determinano il passaggio a una classe di rischio inferiore
  2.  all’85%, se gli interventi determinano il passaggio a due classi di rischio inferiori.

La detrazione va ripartita in

  • 10 quote annuali di pari importo e
  • si applica su un ammontare delle spese non superiore a 136.000 euro
  • moltiplicato per il numero delle unità immobiliari di ciascun edificio.

 Queste detrazioni possono essere richieste

in alternativa a quelle già previste per gli interventi antisismici sulle parti condominiali precedentemente indicate

  • (75 o 85% su un ammontare
  • non superiore a 96.000 euro
  • moltiplicato per il numero delle unità immobiliari di ciascun edificio) e

a quelle già previste per la riqualificazione energetica degli edifici condominiali

  • (pari al 70 o 75% su
  • un ammontare complessivo non superiore a 40.000 euro
  • moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio).

2019 Le novità del Decreto Crescita l ecobonus e il sismabonus

2019 Le novità del Decreto Crescita l ecobonus e il sismabonus

Il Decreto Legislativo n. 32 del 18 Aprile 2019 chiamato anche ‘Decreto Crescita’ o ‘Sblocca Cantieri’

introduce tra le altre novità per l’edilizia anche due aspetti che riguardano i bonus fiscali.

Nello specifico: per il sismabonus

  1.  l’estensione alle zone sismiche 2 e 3, oltre che alla 1, di poter usufruire del Sismabonus anche per l’acquisto di immobili,
  2.  di poter accedere ad uno sconto sull’importo lavori in alternativa alla cessione del credito.

La prima novità è di estendere ai comuni ricadenti nelle zone classificate a rischio sismico nelle zone 2 e 3 le

  1. detrazioni per le spese di rafforzamento antisismico nel caso di demolizione e ricostruzione di interi edifici,sismabonus
  2. anche con variazione volumetrica rispetto a quella preesistente, eseguiti da imprese di costruzione o
  3. ristrutturazione immobiliare, che provvedono, entro 18 mesi dal termine lavori, alla successiva alienazione dell’immobile.

La detrazione è calcolata come il 75% (a fronte della riduzione del rischio sismico che

  1. determini il passaggio ad una classe di rischio inferiore) o l’85% (a fronte della riduzione del rischio sismico
  2. che determini il passaggio a due classi di rischio inferiore) del prezzo di acquisto dell’unità immobiliare,
  3. calcolato su un ammontare massimo di spesa non superiore a 96.000 euro.

È possibile in alternativa cedere

  • il credito maturato dall’acquisto.

La seconda novità riguarda

  • gli interventi di efficientamento energetico e di messa in sicurezza delle strutture e
  • la possibilità di accedere direttamente ad uno sconto sull’importo dei lavori pari alla detrazione fiscali maturabile.

Questa misura permette di non dover disporre di una piena liquidità per poter eseguire i lavori e

ha come intento una maggior applicazione degli stessi strumenti di agevolazione fiscale

. Lo sconto sull’importo dei lavori

  • è effettuato dal fornitore della prestazione di intervento
  • al quale verrà corrisposta la somma scontata all’importo lavori
  • sotto forma di credito d’imposta.

Tale credito potrà essere utilizzato in compensazione,

in cinque quote annuali di pari importo, senza l'applicazione dei limiti di compensabilità.

COMUNICAZIONE ALL' AGENTRATE

COMUNICAZIONE ALL' AGENTRATE

 L’amministratore del condominio effettua le seguenti operazioni: 

  1.  comunica annualmente all’Agenzia delle Entrate i dati del cessionario,
  2. l’accettazione da parte di quest’ultimo del credito ceduto
  3. e l’importo dello stesso,
  4. spettante sulla base delle spese sostenute dal condominio entro il 31 dicembre dell’anno precedente.

 

 

 In mancanza di questa comunicazione la cessione del credito è inefficace 

consegna al condomino la certificazione delle spese a lui imputabili,

indicando il protocollo telematico con il quale ha effettuato la comunicazione all’Agenzia.

La cessione del credito

La cessione del credito

Dal 1º gennaio 2017, in luogo della detrazione del 75% o dell’85%, tutti i beneficiari possono scegliere di:

  1. cedere il corrispondente credito ai fornitori che hanno effettuato gli interventi o
  2. ad “altri soggetti privati”

 

 

 Hanno la stessa facoltà

  1. i soggetti IRES e
  2. i cessionari del credito che
  3. possono, a loro volta, cedere il credito ottenuto.

 La cessione deve riguardare l’intera detrazione 

in quanto il condomino non può cedere rate residue di detrazione.

  1. Il condomino che cede il credito,
  2. se i dati della cessione non sono già stati indicati nella deliberacondominiale che approva gli interventi,
  3. deve comunicare all’amministratore del condominio,
  4. entro il 31 dicembre del periodo d’imposta di riferimento,
  5. l’avvenuta cessione del credito e
  6. la relativa accettazione da parte del cessionario,
  7. indicando, oltre ai propri dati,
  8. la denominazione e il codice fiscale di quest’ultimo.

 

La cessione del credito deve intendersi

  1. limitata ad una sola eventuale cessione successiva a quella originaria.
  2. Il condomino può cedere l’intera detrazione calcolata o
  3.  sulla base delle spese sostenute nel periodo d’imposta dal condominio,
  4. anche sotto forma di cessione del credito d’imposta ai fornitori,

Non è possibile, invece, cederlo a istituti di credito, intermediari finanziari e amministrazioni pubbliche.

  1. La possibilità di cedere il credito riguarda tutti i potenziali beneficiari della detrazione,
  2. compresi coloro che, in concreto,
  3. non potrebbero fruirne
  4. in quanto non sono tenuti al versamento dell’imposta.

 

VECCHIO Ecobonus e Sismabonus e cessione del credito : una misura introdotta dalla Legge Finanziaria 296/2006 che è stata riapprovata, modificata e integrata annualmente in legge di bilancio.

VECCHIO Ecobonus e Sismabonus e cessione del credito : una misura introdotta dalla Legge Finanziaria 296/2006 che è stata riapprovata, modificata e integrata annualmente in legge di bilancio.

  Operativo dal 2017  

Consiste in una detrazione fiscale IRPEF o IRES.

Si applica ad

  1. edifici residenziali,
  2. non residenziali e
  3. misti,

quindi a tutto il patrimonio edilizio esistente.

  I soggetti interessati sono:  

• Persone fisiche

• Contribuenti che conseguono reddito di impresa

• Associazioni tra professionisti

• Enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale

• Familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento

• Convivente more uxorio, non proprietario dell’immobile

• Istituti Autonomi per le Case Popolari

• Cooperative di abitazione

Gli interventi effettuati su parti comuni o sulle singole unità immobiliari possono seguire regole diverse.

Interventi applicabili sia alle parti comuni che alle singole unità immobiliari:

Interventi applicabili sia alle parti comuni che alle singole unità immobiliari:

 Per gli interventi, indicati nella tabella precedente 

con la sola eccezione delle caldaie a biomassa,

  1. eseguiti sulle parti comuni condominiali o
  2. su tutte le unità immobiliari che compongono il singolo condominio

si applica percentuale del 65%.

 Interventi applicabili solo alle parti comuni dell’involucro o anche alle percentuali superiori   

Interventi ammessi

            Aliquota Detrazione   50%

 

SERRAMENTI E INFISSI         €60.000 

SCHERMATURE SOLARI        €60.000

 

CALDAIE A BIOMASSA                                               €30.000

CALDAIE A CONDENSAZIONE (CLASSE A)            €30.000

 

 

bonus 65%

 

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA          €100.000 

MICROCOGENERATORI                            €100.000

 

COIBENTAZIONE INVOLUCRO                   €60.000

COLLETTORI SOLARI                                   €60.000

 

CALDAIE CONDENSAZIONE (classe A + sistema di termoregolazione evoluto)         €30.000

GENERATORI DI ARIA CALDA A CONDENSAZIONE

POMPE DI CALORE

SCALDA ACQUA A POMPA DI CALORE

GENERATORI IBRIDI

SISTEMI BUILDING AUTOMATION

BONUS RISTRUTTURAZIONE 50% prorogato 2021

BONUS RISTRUTTURAZIONE 50% prorogato 2021

 Il  “Bonus Ristrutturazione” è un bonus non economico  

  • che può garantire una detrazione fiscale Irpef pari al 50%,
  • su tutti i lavori riguardanti ristrutturazioni edili.

 Il bonus prevede un 

  • limite massimo di spesa pari a 96 mila euro 

ed è stato approvato anche per quest’anno, dalla Legge di Bilancio 2020.

 

 Bonus Ristrutturazione: che cos’è  

  • è una detrazione Irpef del 50% e
  • riguarda tutte le spese relative a lavori di ristrutturazione
  • che vengono svolti in campo edile.

 La soglia massima prevista dalla Legge di Bilancio 2020,

  •  96 mila euro.
  • valido fino al 31 dicembre 2020.
  •  diviso in 10 rate annuali  di eguale importo.

 

I tipi di ristrutturazioni che rientrano nel Bonus Ristrutturazioni sono:

I tipi di ristrutturazioni che rientrano nel Bonus Ristrutturazioni sono:

  lavori di restaurazione o lavori edili straordinari o ordinari  

che vengono svolti su

  1. edifici residenziali,
  2. immobili rurali,
  3. edifici adibiti ad abitazione,
  4. realizzazione di autorimesse
  5. o anche posti auto,
  6. ristrutturazione di edifici danneggiati,
  7. installazione di ascensori e montacarichi utili per eliminare le barriere architettoniche.

 

Bonus Ristrutturazione: la domanda

  1. occorre  pagare tramite bonifico i lavori di ristrutturazioni,
  2. conservando la relativa ricevuta.

Conservare la documentazione che dimostra l’avvenuta comunicazione dell’inizio dei lavori all’ENEA.

Il cittadino dovrà poi anche

  1. indicare nella dichiarazione dei redditi, i dati catastali che permettono di identificare l’immobile oggetto delle ristrutturazioni,
  2. aggiungendo poi la percentuale di detrazione.

Per gli edifici che non sono stati ancora censiti,

  • occorre  la domanda di accatastamento.

 

Superbonus 110% al condominio: il quorum dell’assemblea è più leggero con il decreto agosto

Superbonus 110% al condominio: il quorum dell’assemblea è più leggero con il decreto agosto

Il decreto agosto cessione del credito ecobonus 110%,

  1. varato dal Consiglio dei Ministri il 7 agosto 2020,
  2. riduce il quorum assembleare necessario per l’approvazione degli interventi che danno diritto al superbonus 110% e
  3. la cessione del credito ecobonus 110% per il condominio,
  4. derogando in questo modo alle disposizioni di cui all’art. 1108 del Codice Civile.

Il nuovo quorum assembleare per i lavori condominiali  cessione credito superbonus 110%

Ammessi al Superbonus 110%, come noto, 

  1. cessione del credito ecobonus 110% sono anche gli interventi effettuati dal condominio (soggetti beneficiari 
  2. sono i singolo condomini in base alle quote millesimali),
  3. di isolamento termico delle superfici opache verticali,
  4. orizzontali e inclinate che interessano l’involucro dell’edificio (c.d. cappotto termico),
  5. nonché gli interventi realizzati sulle parti comuni cessione del credito ecobonus 110% degli edifici stessi
  6. per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati.

Ai fini della realizzazione di questi lavori , per la  cessione del credito ecobonus 110%,  è comunque, necessaria l’approvazione dell’assemblea condominiale.

  • In linea generale, è l’art. 1108 del codice civile a disciplinare l’approvazione condominiale delle innovazioni cessione del credito ecobonus 110% e
  • altri atti eccedenti l’ordinaria amministrazione. In questa disposizione normativa si legge che:

 

Con deliberazione della maggioranza dei partecipanti

che rappresenti almeno due terzi del valore complessivo della cosa comune,

si possono disporre tutte le innovazioni dirette al miglioramento della cosa 

  • cioè la cessione del credito ecobonus 110%
  • o a renderne più comodo o redditizio il godimento,
  • purché esse non pregiudichino il godimento di alcuno dei partecipanti e
  • non importino una spesa eccessivamente gravosa”.
  • Il quorum assembleare più leggero per il Superbonus 110% del condominiocessione del credito ecobonus 110%,cessione del credito ecobonus 110%
  • Il decreto di agosto, cessione del credito ecobonus 110%,  alleggerisce notevolmente il predetto quorum laddove si tratti di approvare interventi che danno diritto al superbonus 110%.
  • Infatti, inserendo il nuovo comma 9-bis all’art. 119 del decreto Rilancio, si stabilisce che “
  • le deliberazioni dell’assemblea del condominio

  • aventi per oggetto l’approvazione dei citati lavori sono valide se approvate

  • con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti

  • e almeno un terzo del valore dell’edificio”.

     

  • Dunque, resta ferma che l’approvazione deve avvenire a maggioranza dei partecipanti all’assemblea
  • ma questi devono rappresentare almeno 1/3 (e non invece i 2/3) del valore dell’edificio condominiale.per il cessione del credito ecobonus 110%

cessione credito superbonus 110%

Forse tre anni per usate il superbonus 110%: notizie positive per imprese edili e condomini?

Forse tre anni per usate il superbonus 110%: notizie positive per imprese edili e condomini?
  1. L'obbligazione  e la cessione del credito ecobonus del 110% potrebbe essere estesa e durare tre anni.
  2. Non manca la volontà ma, come si può intuire, bisogna valutare la copertura economica. la cessione del credito ecobonus del 110%  
  3. La svolta potrebbero essere i fondi europei del piano di ripresa.

 

  • Almeno la conferma della volontà di prorogare il superbond  la cessione del credito ecobonus del 110% , arriva dalle parole del viceministro del Mef Antonio Misani: "Se sarà possibile riportare il bonus del 110%, la cessione del credito ecobonus del 110%,  nel Fondo Recupero, credo che questa misura andrebbe estesa a tutto l'orizzonte. impegno temporaneo di risorse europee, cioè fino al 2023.
  • Questa potrebbe essere una delle opzioni strategiche da inserire nella prossima legge di bilancio ”. Il comunicato fa parte di un'intervista rilasciata da Misani a Il Messaggero che conferma la necessità di riforme strutturali e  la cessione del credito ecobonus del 110% "una spinta molto forte per gli investimenti pubblici e privati".
  • cessione credito superbonus 110%

CHE COS'E' IL SUPERBONUS 110%

 a- Beneficiari:

Il Superbonus 110% è una agevolazione fiscale per determinati interventi effettuati su immobili residenziali, meglio precisati di seguito, destinata:

  1. • alle persone fisiche, che agiscono al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti o professioni;
  2. • ai Condomìni;
  3. • agli Istituti autonomi case popolari (IACP) comunque denominati e gli enti con le stesse finalità sociali che rispondono ai requisiti della legislazione europea sull’in house providing per gli interventi su immobili di loro proprietà o gestiti per conto dei Comuni, adibiti a edilizia residenziale pubblica;
  4. • alle cooperative di abitazione a proprietà indivisa per gli interventi sugli immobili da esse posseduti e assegnati ai propri soci;
  5. • alle organizzazioni senza scopo di lucro, organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale del terzo settore;
  6. • alle associazioni e società sportive dilettantistiche (ASD), ma solo per gli interventi su immobili o parti di immobili adibiti a spogliato

Target per ottenere i benefici:

Condomìni, Imprese e persone fisiche

Nell’esercizio di attività di impresa, arti o professioni, la detrazione è ammessa nella sola ipotesi di partecipazione alle spese per interventi trainanti effettuati dal condominio sulle parti comuni.

La detrazione spetta anche ai soggetti che esercitano attività d’impresa o arti e professioni, qualora le spese sostenute abbiano ad oggetto interventi effettuati su immobili non strumentali o comunque non destinati all’attività economica bensì appartenenti all’ambito personale (ad es.: casa di abitazione).

Le nuove disposizioni, che consentono di fruire di una detrazione dall’IRPEF del 110 per cento delle spese, si aggiungono a quelle già vigenti che disciplinano le detrazioni dal 50 all’85 per cento delle spese spettanti per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio,

in base all’art. 16-bis del TUIR, inclusi quelli di riduzione del rischio sismico 2 UniCredit Group - Public (cd. Sismabonus, attualmente disciplinato dall’articolo 16 del DL n. 63 del 2013) e di riqualificazione energetica degli edifici (cd. Ecobonus, in base all’art. 14 del DL n. 63 del 2013.)

La detrazione spetta ai soggetti che possiedono o detengono l’immobile oggetto dell’intervento in base ad un titolo idoneo al momento di avvio dei lavori o al momento del sostenimento delle spese, se antecedente il predetto avvio.

Si tratta, in particolare,

  1. del proprietario,
  2. del nudo proprietario o
  3. del titolare di altro diritto reale di godimento
  4. (usufrutto, uso, abitazione o superficie),
  5. del detentore dell’immobile in base ad un contratto di locazione, anche finanziaria, o di comodato,

regolarmente registrato,

in possesso del consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario nonché dei familiari del possessore o detentore dell’immobile.

Il superbonus non è cumulabile con gli altri incentivi riconosciuti dalle norme europee, nazionali o regionali. 

Interventi che prevedono Ecobonus al 110% nel settore edilizio

Interventi che prevedono Ecobonus al 110% nel settore edilizio

Opere TRAINANTI :

a) realizzazione di isolamento termico

Sono detraibili al 110% le spese per gli interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l’involucro dell’edificio per oltre il 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio o dell’unità immobiliare.

b) interventi per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale

In particolare, accedono al superbonus 110% gli interventi:

• sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria dotati di generatori di calore a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto

prevista dal Regolamento UE 811/2013,

  1. a pompa di calore, inclusi gli impianti ibridi o geotermici,
  2. anche abbinati all’installazione di
  3. impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo, o con
  4. impianti di microcogenerazione o a
  5. collettori solari. 

 

La detrazione è riconosciuta anche per le spese relative

  1. allo smaltimento e
  2. alla bonifica dell’impianto sostituito

nonché per la sostituzione

  1. della canna fumaria collettiva esistente,
  2. mediante sistemi fumari multipli o collettivi nuovi,

compatibili con apparecchi a condensazione, con marcatura CE

di cui al regolamento delegato (UE) 305/2011, nel rispetto dei requisiti minimi prestazionali previsti dalla norma UNI 7129-3.

• sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari

  1. site all’interno di edifici plurifamiliari
  2. che siano funzionalmente indipendenti
  3. e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno.

 

Sono incentivati con il superbonus 110% gli interventi sugli edifici unifamiliari

per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il

  1. riscaldamento,
  2. il raffrescamento o
  3. la fornitura di acqua calda sanitaria

dotati di generatori di calore a condensazione,

con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto

prevista dal Regolamento UE 811/2013,

  1. a pompa di calore, inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo,
  2. o con impianti di microcogenerazione
  3. o a collettori solari
  4. o con impianti a biomassa con classe di qualità 5 stelle

individuata dal decreto del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 novembre 2017, n.186;

 

per tali ultimi impianti, la detrazione di cui alla presente lettera è applicabile solo nel caso di sostituzione di altri impianti a biomassa.

La detrazione di cui alla presente capoverso è riconosciuta anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito.

 

 

SISMABONUS AL COMPRATORE

SISMABONUS AL COMPRATORE

c) messa in sicurezza antisismica

Ottengono una detrazione fiscale del 110% gli interventi di miglioramento e adeguamento antisismico, rientranti nella disciplina del sismabonus, realizzati nelle zone a rischio sismico 1, 2 e 3.

 

Hanno diritto al superbonus 110% anche

  • gli acquirenti di unità immobiliari realizzate, nelle zone a rischio sismico 1, 2 e 3,

da imprese di costruzione e ristrutturazione

  1. mediante la demolizione di vecchi fabbricati e
  2. la ricostruzione con criteri antisismici
  3. ed eventuale ampliamento volumetrico.

 

È agevolata con il Superbonus anche

  • la realizzazione di sistemi di monitoraggio strutturale continuo

eseguita congiuntamente agli interventi di miglioramento o adeguamento antisismico. 

Regole generali:

Regole generali:

 • Il superbonus 110% spetta

anche a tutti gli altri interventi di efficienza energetica

  1.  infissi,
  2. pannelli fotovoltaici,
  3. colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici,
  4. recupero facciate,

che abbiano le caratteristiche indicate dalla legge e nei limiti dalla stessa fissati,

se svolti congiuntamente ad uno degli interventi trainanti sopra riportati e precisati dal decreto

e nei relativi limiti di spesa previsti; 

• L’ecobonus 110% e il sismabonus 110% si applicano

  1. alle prime e seconde case unifamiliari,
  2. villette a schiera e unità immobiliari in condominio.

 

 

NO CASTELLI

NO CASTELLI

Lo stesso soggetto può ottenere l’ecobonus 110% al massimo su due unità immobiliari;

 

Tale limitazione non opera per le spese sostenute per gli interventi effettuati

  1. sulle parti comuni dell’edificio,
  2. nonché per gli interventi antisismici;

 

• Sono escluse dal superbonus

  1. le abitazioni di tipo signorile,
  2. le abitazioni in ville e i castelli,

 

rientranti rispettivamente nelle categorie catastali A1, A8 e A9;

 

 

ANCHE UFFICI E NEGOZI IN CONDOMINIO

ANCHE UFFICI E NEGOZI IN CONDOMINIO

• Le unità immobiliari non residenziali

 

  1. uffici,
  2. magazzini,
  3. negozi o
  4. capannoni

sono ammesse alle detrazioni

 

solo per le spese sostenute per interventi sulle parti comuni dell’edificio di cui fanno parte,

a condizione che

la superficie complessiva delle unità immobiliari

destinate a residenza ricomprese nell’edificio sia superiore al 50%;

 

• Sono inclusi anche

  1. gli enti del terzo settore,
  2. nonché le associazioni e
  3. le società sportive dilettantistiche (per il rifacimento degli spogliatoi),

potranno usufruire del superbonus;

 

• E’ previsto l’ecobonus 110%

anche per demolizioni e ricostruzioni nei limiti stabiliti;

 

 

2 CLASSI ENERGETICHE --APE

2 CLASSI ENERGETICHE --APE

• E’ necessario il miglioramento di

  • almeno due classi energetiche

 

  1. dell'edificio condominiale e
  2. dell’edifico unifamiliare o
  3. delle unità immobiliari situate all'interno di edifici plurifamiliari
  4. le quali siano funzionalmente indipendenti

e dispongano di uno o più accessi autonomi dall'esterno, ovvero,

se ciò non sia possibile,

  • il conseguimento della classe energetica più alta.

 

  • Previsto un attestato di prestazione energetica (APE)

prima e dopo l'intervento,

  • a cura di un tecnico abilitato nella forma della dichiarazione asseverata che dimostri il miglioramento energetico.

 

5 QUOTE ANNUALI

5 QUOTE ANNUALI

• La detrazione è ripartita in cinque quote annuali di pari importo,

  1. nell’anno in cui è sostenuta la spesa
  2. data dell’effettivo pagamento per le persone fisiche
  3. e data di ultimazione della prestazione per le società

e in quelli successivi.

 

• In ogni caso, come tutte le detrazioni d’imposta, l’agevolazione è ammessa entro il limite che trova capienza nell’imposta annua derivante dalla dichiarazione dei redditi.

In sostanza, la quota annuale della detrazione

che non trova capienza nell’imposta lorda di ciascun anno,

  • non può essere utilizzata in diminuzione dell’imposta lorda dei periodi d’imposta successivi,
  • né essere chiesta a rimborso.

 

• Sono previsti massimali che saranno applicabili a tutti gli interventi che rientrano nel perimetro dell’ecobonus.

 

VISTO di CONFORMITA

VISTO di CONFORMITA

• Sono previsti specifici adempimenti per cedere il credito d’imposta corrispondente alla detrazione del 110%,

tra cui in particolare

  • il visto di conformità

rilasciato dai soggetti incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali (professionisti abilitati e Caf, ex art. 35 D.lgs. 241/1997).

 

Il soggetto che rilascia il visto di conformità

  • verifica la presenza delle asseverazioni e delle attestazioni rilasciate dai professionisti incaricati.

 L’asseverazione tecnica è necessaria affinché sia riconosciuta la detrazione fiscale

da ecobonus e/o da sismabonus

  • ed è rilasciata al termine dei lavori
  • o per ogni stato di avanzamento dei lavori

(comma 13-bis dell’articolo 119). 

Il tuo carrello

Spedizione:
Totale:

Concludi l'acquisto

1

Indirizzo

Nome
Cognome
Indirizzo
Città
Provincia
CAP
Email

2

Spese di spedizione

Seleziona la spedizione
 

3

Metodo di pagamento

Seleziona un metodo di pagamento
 

grazie per l'aquisto

Importo totale:

Ordina