ufficio 0381 386393
marketing@finlumia.it ___ cell. funzionario 351 557 5353
FinLumia E.S.C.O. ......Ef finanza Energetica
finlumia_finanziamento_impianti_fotovoltaici_esco_seu_gratis_
marketing@finlumia.it ___ cell. funzionario 351 557 5353

Finanziamento di tutti i gli impianti a Energia Rinnovabile

ufficio 0381 386393
Aggiungi ai preferiti
Segnala ad un amico
Stampa
finlumia-finanziamento-imprese-azienda_2.jpgfinege_finanziamento_aziende.jpgfinlumia_finanziamenti_credito_prestiti.jpgfinlumia_finanziamento_prestito_credito_imprese.jpg

Consulenza finanziamenti terzi

finanziamento-di-tutte-le-energie-rinnovabili-cogeneratore-cippato-biogas-biometano-finlumia-e.s.c.o-ef_finanza-energetica-logo

I vantaggi di operare con una START UP INNOVATIVA

Il business plan

A sua volta il business plan, è fondamentale. Si tratta di uno strumento che deve essere in grado di racchiudere al suo interno un quadro di dettaglio su:

  • Come la start up si organizza,
  • Come si differenzia e si colloca sul mercato.

Le aree di approfondimento interessano la descrizione dell’azienda e del prodotto/servizio da sviluppare, l’analisi di mercato e il piano di marketing, il vantaggio competitivo e l’analisi dei rischi, l’organizzazione del management e le competenze in gioco. Infine, nel business plan non si può dimenticare la stima di costi e il piano economico-finanziario.

DIFFERENZA TRA INNOVATIVA E NORMALE SRL

La start up i"INNOVATIVA" SI DIFFERENZIA DALLE ALTRE START UP 

  • perchè mentre ad una start up normale non viene praticamente erogato alcun credito per i primi 2 anni ,
  • cioè in attea di depositare almno 2 bilanci...in utile e con un inanziamento poi non superiore ad un terzo del fatturato;

l'INNOVATIVA gode di una garanzia MCC fio a 3 milioni fin da subito,

in funzione del BUSINSS PLAN e

  • tra l'altro puo usufruire di un preammortamento di alcuni anni  ,
  • cioè non restituirà nulla  fino alla partenza dell'attività . 

E anche si potrà accedere con un percorso privilegiato 

  • nella richiesta di FONDI PERDUTI
  • di volta in volta  messi a disposizione dai vari bandi specifici riservati .
finlumia_finanziamenti_credito_prestiti_imprese

Se hai un progetto o un prodotto innovativo di qualunque genere , costituendo una srl innovativa riuscirai ad ottenere un finanziamento fino a 3 milioni garantiti da MCC e con preammortamento poliennale

START UP INNOVATIVA

START UP INNOVATIVA

Consulenza  e   supporto          x

 costituzione  di  srl  innovativa  e

  attribuzione   plafond  mcc.  / erogazione fondi  

finlumia_finanziamento_impianti_fotovoltaici_esco_seu_gratis_

Fase 1                                    Nota informativa e preliminare

finluma_guida_agevolazioni_risparmio_energetico_marzo_coronavirus_f

 CLICCA QUI sopra

Fase 1 : Investimento complessivo euro 15 000,oo

·         anticipo inizio pratiche           euro 7500 ,00

·         a omologazione ottenuta      euro 4000,00 

·         a ottenimento plafond Mcc   euro 4500,00

Fase 2  

Ricerca di banche eroganti e ottenimento fondi.

·         Nota - E’ spesso necessario che l’azienda possa dimostrare  la disponibilità di un equity pari al 20% dell’investimento o in liquidità su un conto o in fatture già pagate, o in beni già acquisiti, o anche nulla in funzione della modalità operativa della singola banca, poiché la garanzia copre l’80% dell’ investimento previsto.

·         Il finanziamento o i finanziamenti eventualmente ottenuti con la partecipazione di più banche , possono avere anche un preammortamento di durata concordabile.

·         E’ necessaria la disponibilità da parte dell’amministratore ad un incontro con un dirigente presso la sede della banca  nella fase finale della pratica .

·         I soci e l’amministratore non devono avere protesti, pignoramenti o ipoteche giudiziali a nome proprio, né segnalazioni in Crif relativi a eventi negativi gravi , in quanto per legge è proibito alle banche eroganti finanziare soggetti in contenzioso con altre banche, sia pure garantiti.

·          Dati deducibili da Centrale dei rischi di Banca d’Italia.

·         La fase 2 è remunerata all’operatore in modalità “success fee” ovvero in percentuale sull’importo effettivamente erogato.

·         La fase 2 può eventualmente essere seguita anche da altro operatore di fiducia dell’azienda , e non vi è alcun obbligo o vincolo rispetto alla fase 1 da parte del l’azienda cliente .

·         
La ricerca può anche essere condotta in contemporaneità con altro operatore , purchè sia concordata e condotta in modo da non inficiare l’operazione con segnalazioni negative.

Le startup innovative italiane

 hanno ricevuto complessivamente finanziamenti bancari per

  • oltre 1,1 miliardi di euro attraverso
  • 5.615 operazioni

con il supporto del Fondo di Garanzia per le PMI,

gestito da Mediocredito Centrale 

in qualità di capofila di un Raggruppamento Temporaneo di imprese.

È quanto emerge dalla nuova edizione, aggiornata al 31 dicembre 2019, del rapporto trimestrale “Le imprese innovative e il Fondo di Garanzia per le PMI”, a cura dalla Direzione Generale per la Politica Industriale del Ministero dello sviluppo economico in collaborazione con Mediocredito Centrale (disponibile sul sito del Ministero).

Per richiedere un finanziamento le startup innovative possono

Dall’avvio dello strumento nel 2013,

  • si contano 3.593 startup beneficiarie,
  • per un totale di 5.615 operazioni
  • (1.439 aziende hanno ricevuto più di un prestito) e

un finanziamento medio di oltre 200.000 euro per singola operazione.

Nel 4° trimestre del 2019

le startup hanno ricevuto nuovi prestiti bancari per circa 66,7 milioni di euro.

Il valore è superiore a quello registrato nel terzo trimestre 2019:

tra giugno e settembre 2019 erano stati concessi nuovi prestiti per 52.063.252 di euro.

L’ammontare complessivo rilevato al 31 dicembre 2019 è pari a 1.129.911.936 di euro.

I prestiti già estinti riguardano il 17,5% delle operazioni

 per un ammontare pari a 156 milioni di euro,

 quelli in regolare ammortamento il 57,8% delle domande accolte (890,2 milioni).

  • Sono invece in sofferenza solo il 4,8% dei finanziamenti concessi a startup innovative con l’intervento del Fondo di garanzia.

Il supporto della garanzia pubblica a favore delle nuove imprese innovative viene richiesto con maggiore frequenza al Nord.

Dal 2016 anche le PMI innovative accedono gratuitamente al Fondo di Garanzia.

Ad oggi si contano 284 PMI innovative beneficiarie,

per un ammontare complessivo di oltre 195 milioni di euro.

Lombardia (54,2 milioni) ed

Emilia-Romagna (28,8 milioni)

risultano essere una parte considerevole dei finanziamenti concessi.

Infine, sono 20 gli incubatori certificati che hanno richiesto un finanziamento mediato dal Fondo di garanzia,

per un totale di 37 operazioni e circa 18 milioni di euro mobilitati.

finlumia_credito_finanziamento_imprese_aziende-prestiti

Prestito aziendale chirografario

finanziamenti

Prestito chirografario

Il prestito chirografario è

  • un finanziamento di tipo fiduciario,
  • il cui rimborso è garantito dalla capacità reddituale e dal patrimonio del richiedente.

A differenza di quanto avviene in un mutuo,

  • un prestito di tipo chirografario
  • non è assistito da ipoteca ed
  • è concesso per un periodo di tempo inferiore, in genere compreso entro 10 anni.
  • Il prestito chirografario si distingue da altre forme di finanziamento perché
  • il rimborso viene garantito personalmente dal debitore.
  • La garanzia è rappresentata dalla firma del contratto, come indica il nome stesso
  • (chirografario deriva dal greco antico e significa comprovato da un documento scritto).
  • Più in generale, si parla di crediti chirografari 
  • quando il finanziamento non è coperto da garanzie personali (come la fideiussione)
  • o reali (pegno o ipoteca).

Dal momento che

  • non sono assistiti da ipoteca né da altri tipi di garanzie,
  • Possono essere richiesti sia dai privati, sia dagli autonomi e dalle imprese.
  • Spesso vengono richiesti per finanziare
  • attrezzature o
  • interventi di manutenzione in ambito condominiale o
  • su immobili per i quali sarebbe difficoltoso iscrivere un'ipoteca.
  • Questo tipo di finanziamento
  • rappresenta un'alternativa sia ai mutui sia ai prestiti personali
  • ed è una soluzione più semplice da gestire in tutti i casi in cui il debitore
  • ha bisogno di un importo contenuto e può contare
  • su un reddito o un patrimonio sufficienti ad assicurare la copertura del finanziamento.

oggi grazie al DECRETO CRESCITA garantito 90/100% da MCC

Grazie alla garanzia Mcc si può godere di una garanzia totale da utilizzare per ottenere un finanziamento aziendale 

da 26.000 euro a 800.000 euro 

per le PMI 

  • Importo MINIMO : €. 25.001,00
  • Importo MASSIMO : 25% del fatturato o doppio del costo del personale . LA BANCA SI RISERVA DI VALUTARE  GLI IMPORTI E DELIBERARE IN BASE AL MERITO CREDITIZIO 
  • Tasso :  2,75% fisso
  • Durata : max 72 mesi di cui max 12 di preammortamento
  • Finalità : liquidità 
finlumia-esco_finanziamento_tutte_le_energie_rinnovabili_prestito_quinto_stipendio_pensione.-finalizzato_aa

Prestito finalizzato a tutti

Il prestito finalizzato

finlumia-esco_finanziamento_tutte_le_energie_rinnovabili_prestito_quinto_stipendio_pensione.-finalizzato_a
  •  è una forma di finanziamento concesso da un istituto o società di credito
  • che si ottiene direttamente presso i punti vendita di beni e/o servizi ed
  • è strettamente legata all'acquisto che si effettua. 


  • Quando si ricorre ai prestiti finalizzati
  • non si ottiene una somma di denaro dalla banca o dalla finanziaria
  • ma, invece di pagare tutto in contanti al momento dell'acquisto,
  • si paga a rate il prezzo di quello che si vuole acquistare

(il denaro prestato dalla finanziaria non viene accreditato al cliente ma alla società che vende il bene/servizio per cui si richiede il finanziamento). 

Se ad esempio si desidera acquistare una cucina o dei mobili,

  • il mobiliere potrebbe proporre il pagamento rateale:
  • in questo caso dopo aver raccolto tutti i dati necessari
  • (dati anagrafici e situazione reddituale)
  • la finanziaria valuta la concedibilità del prestito e,
  • in caso positivo, consente il pagamento del bene a rate.

La caratteristiche principali che contraddistinguono il prestito finalizzato sono le seguenti:

cessione del quinto solo dipendenti e pensionati anche segnalati crif

finlumia-esco_finanziamento_tutte_le_energie_rinnovabili_quinto_stipendio_pensione

NOLEGGIO OPERATIVO

1. Cos’è il Noleggio Operativo?

  • Il Noleggio operativo è una soluzione che consente, grazie al pagamento di un canone fisso mensile o trimestrale, di avere il possesso di un bene strumentale necessario  alla propria attività.
  • È indicato per piccole e medie imprese, che cercano una soluzione flessibile e commisurata alla normale vita utile degli strumenti, consentendo con facilità il rinnovo tecnologico e contrastando l’obsolescenza dei beni aziendali.

2. Perché il Noleggio è vantaggioso ?

  • Liquidità e vantaggi finanziari . A differenza dell’acquisto, grazie ai canoni il cliente non intacca il capitale aziendale e mantiene il merito o rating di credito nei confronti della banca e dei fornitori. Non essendo valutato come un finanziamento  finanziaria, non viene segnalato tra le linee di credito bancarie e non si segnala in centrale rischi nè crif.
  • Vantaggi  fiscali: I beni non vanno in ammortamento nel bilancio, poiché i canoni vengono considerati un servizio e sono interamente deducibili e non si pagano tasse aggiuntive (come l’IRAP) 
  • Certezze nella pianificazione Il canone è fisso ed costante per tutta la durata del contratto, con pagamenti automatici SEPA e senza spese di incasso. 
  • Mantenere aggiornato le attrezzarure che si evolvono rapidamente e il continuo aggiornamento impatta sulla liquidità, quindi stipulare un contratto commisurato alla vita del bene consente l’aggiornamento  con ottimi vantaggi per l’azienda.

3. È uguale ad un leasing?

  • NO, perché non è un finanziamento finanziario finalizzato all’acquisto con riscatto finale del bene ad una quota prestabilita. Inoltre fiscalmente i canoni di noleggio sono  diversi da quelli di leasing.
  • I canoni di noleggio non vengono infatti calcolati sulla base di tassi di interesse in vigore, non hanno un piano di ammortamenti e non sono soggetti, ove previste, a tassazioni come IRES o IRAP.

4. È uguale al credito finalizzato /un finanziamento?

NO, il noleggio non è un finanziamento:  non eroga denaro al cliente. I canoni di noleggio non sono calcolati sulla base di tassi di interesse in vigore. Non ci sono imposte di bollo. La proprietà del bene durante il noleggio è in capo alla società di noleggio.

5. I canoni di noleggio sono indicizzati o costanti?

Sono costanti senza alcun adeguamento ISTAT.

6. Quale è il tasso di interesse che si applica ai canoni di Noleggio?

NESSUNO, i canoni non sono determinati da TAN e TAEG.

7. Perché un cliente dovrebbe scegliereil Noleggio operativo?

  • Perché per un’azienda l’acquisto implica un pagamento immediato e totale del costo del bene, con un recupero fiscale dilazionato in anni, gravato dall’imposta fiscale IRAP.
  • Con il noleggio  il cliente paga dei canoni, considerati un servizio, avendo così il massimo beneficio fiscale e la dilazione nel tempo dell’pagamento .

LEASING

finlumia_finanziamento_energie_rinnovabili_quinto_stipendio_pensione_noleggio_prestito_chirografario_leasing

Il leasing è il contratto con cui una parte (concedente) concede in godimento all'altra (utilizzatore) un bene dietro corrispettivo e per un determinato periodo di tempo, alla scadenza del quale la parte che ha in godimento il bene può restituirlo o divenirne proprietario pagando la differenza tra quanto già versato ed il valore del bene.

In genere si distingue tra leasing finanziario e leasing operativo.

  • Il leasing finanziario è un'attività finanziaria tenuta dalle banche. Le società di leasing svolgono principalmente un'attività creditizia mediante la stipulazione di contratti di locazione finanziaria, che svolgono implicitamente la funzione di soddisfare fabbisogni finanziari emergenti da decisioni di investimento. La disponibilità di un bene necessario può essere ottenuta mediante due modalità: con l'acquisto diretto del bene con capitale proprio o con il debito attraverso un contratto di leasing. La società di leasing nella veste di locatore concede il bene al locatario per un tempo determinato e in contropartita di un canone periodico. Pertanto la funzione di finanziamento si esplica nel fatto che la spesa per l'acquisto è sostenuta dal locatore mentre il locatario è avvantaggiato dalla dilazione del pagamento. La conseguenza di questa formula è che la proprietà del bene locato appartiene alla società di leasing fino all'eventuale riscatto da parte del cliente. Le società di leasing finanziano investimenti produttivi, beni mobili (macchinari, impianti industriali ecc.) beni immobili (stabilimenti industriali, centri commerciali ecc.) ed anche beni immateriali, quali marchi aziendali es: geox, benetton.
  • Il leasing operativo viene effettuato direttamente dal/dai costruttore/i del bene/i, come ad esempio il leasing su autovetture di varie case automobilistiche.

La locazione finanziaria è un contratto di durata il cui corrispettivo va calcolato secondo criteri finanziari e quindi tenendo conto non soltanto del costo del bene, ma anche del prezzo pattuito per l’opzione d’acquisto finale e della durata del contratto. Elemento essenziale del contratto è la previsione dell’opzione finale di acquisto del bene a favore dell’utilizzatore ad un prezzo prestabilito. Alla scadenza, l’utilizzatore ha il diritto di divenire proprietario del bene esercitando l’opzione di riscatto; in caso contrario ha l’obbligo di restituire il bene al concedente.

CURA ITALIA: COME RICHIEDERE DA PARTE DELLE IMPRESE LA SOSPENSIONE DELLE RATE DEI FINANZIAMENTI, MUTUI, LEASING E DELLA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI FINO AL 30 SETTEMBRE 2020.

nuovo modello autodichiarazione x circolare 23 marzo

nuovo_modello_autodichiarazione_23.03.2020_compilabile

AUTOCERTIFICAZIONE per uscire di casa marzo 20

finlumia_coronavirus_covid19_modulo_autocertificazione

autocertificazione attraverso la compilazione del

 modulo di autodichiarazione necessaria per essere autorizzati negli spostamenti in auto e consentiti solo da comprovati motivi sia in auto sia quando si esce a piedi. 

Compilando il modulo (ultima versione aggiornata con le recenti modifiche) e firmandolo dopo averlo stampatosi ottiene l’autorizzazione per uscire di casa senza incorrere a sanzioni,

procedure istituita con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, “Io resto a casa in vigore in tutte le regioni d’Italia per contenere e arginare il contagio e la diffusione del virus COVID-19 Coronavirus durante l’emergenza in atto”.

 Come scaricare il modulo di autocertificazione 

Sotto trovi il link con il modulo dell’autocertificazione AGGIORNATO con l’ultimissima modifica scaricabile in PDF da stampare per essere compilato, a cui si aggiunge una nuova voce alle quattro già preesistenti dove si deve dichiarare di non essere soggetto agli obblighi previsti dalla quarantena per chi è stato trovato positivo al Coronavirus o per chi è entrato in contatto con una persona contagiata.

 Modulo autocertificazione Covid 19 Coronavirus, (ultima versione aggiornata) scaricabile PDF per spostamenti in auto

 Modulo digitale autodichiarazione compilazione più facile con il PC

 Cè anche la possibilità di compilare più facilmente il modulo on lineattraverso un PC o telefonino attraverso due modalità. Copiando ed incollando il testo (dal PDF o vedi in basso) oppure accedendo ad uno strumento on line che facilita la compilazione digitale dell’autodichiarazione. Per questo servizio on line non c’è da pagare nulla, la compilazione è gratuita La società che lo ha realizzato (Etinet) ha dichiarato che i dati personali dell’utente non vengono archiviati/salvati in base alle disposizioni del GDPR.

Quando è necessario il modulo dell’autocertificazione per gli spostamenti durante l’emergenza del Coronavirus

 Il modulo dell’autocertificazione è necessario durante gli spostamenti in auto ed a piedi (per recarsi in a fare la spesa, in farmacia, in edicola ad acquistare giornali e magazine, dal tabaccaio e tutte le altre esigenze lavorative) perché è facile incappare nei posti di blocco e di controlloistituiti da Polizia Stradale e Carabinieri che richiedono i motivi per cui ci stiamo spostando e l’esibizione del modulo dell’autodichiarazione dove è riportata la motivazione che giustifica lo spostamento.

 Tutti gli spostamenti devono essere motivati e sono giustificate le motivazioni indicate nel nostra spiegazione sugli spostamenti consentiti,

Nei controlli su strada gli stessi Agenti possono anche verificare la temperatura corporea con il termoscan, un misuratore della temperatura corporea.

posto-blocco-polizia-corona-virus-1024x572

Modulo autodichiarazione Coronavirus scaricabile, il testo della versione aggiornata

Autodichiarazione ai Sensi degli 
art 46 e 47 del D.P.R 28 dicembre 2.000 n° 495 c.p.

Il sottoscritto _____________________________________, nato il _________ a ____________, residente in ___________________, via__________________________, identificato a mezzo __________________ nr. _____________________ utenza telefonica _________________,

consapevole delle conseguenze penali previste in caso di dichiarazioni mendaci a pubblico ufficiale (art 495 c.p.)

DICHIARA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITÀ

  • di non essere sottoposto alla misura della quarantena e di non essere risultato positivo al virus COVID-19 di cui all’articolo 1, comma 1, lettera c), del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’ 8 marzo 2020;
  • di essere a conoscenza delle sanzioni previste, dal combinato disposto dell’art. 3,comma 4, del D.L. 23 febbraio 2020n. 6 e dell’art. 4, comma 1, del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’ 8 marzo 2020 in caso di inottemperanza delle predette misure di contenimento (art. 650 c.p. salvo che il fatto non costituisca più grave reato);
  • Che lo spostamento è determinato da: 
    o comprovate esigenze lavorative; 
    o situazioni di necessità; 
    o motivi di salute; 
    o rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. 

A questo riguardo, dichiara che ________________________________________ (LAVORO PRESSO…, STO RIENTRANDO AL MIO DOMICILIO SITO IN….., DEVO EFFETTUARE UNA VISITA MEDICA… ALTRI MOTIVI PARTICOLARI..ETC…)

Data, ora e luogo del controllo

Firma del dichiarante L’Operatore di Polizia

Come si compila il modulo di autocertificazione Coravirus che fa firmato

 La compilazione del modulo scaricabile in PDF (ultima versione aggiornata) è molto semplice: basta specificare le proprie generalità (Nome Cognome, data di nascita e luogo di residenzaed il motivo dello spostamento.

 E’ sempre necessario portare con sé il documento, quindi anche dopo averlo compilato on line va stampato e firmato.
Per questo è consigliato stampare diverse copie del modulo anche in bianco e portarle sempre con se all’interno dell’automobile o al seguito. 

E se non ho il modulo?

 Nel caso in cui per qualche motivo si è sprovvisti del modulo, l’autodichiarazione può anche essere resa verbalmente all’agente che provvede a raccogliere le motivazioni e procedere alle dovute verifiche ed azioni successive. 

Cosa si rischia senza autodichiarazione / autocertificazione?

 Le sanzioni sono pesanti per chi circola senza giustificato motivo. Il decreto “Io resto a casa” stabilisce che le violazioni (viaggiare senza motivi ben precisi e senza autodichiarazione / autocertificazione) sono punite con l’arresto fino a tre mesi e l’ammenda fino a 206 euro.

 Pene più gravi sono per chi adotterà comportamenti, come ad esempio la fuga dalla quarantena per i positivi, con il reato di delitto colposo contro la salute pubblica. Per cui è consigliato portare con sempre una copia del modulo.

Quando si può usare l’auto e quali sono gli spostamenti in auto consentiti?

Gli spostamenti in auto sono fortemente limitati 

ed ecco un vademecum per capire quando e fin dove possiamo usare la nostra automobile per spostarci,

fermo restando che c’è l’onere sull’interessato di dimostrare la sussistenza delle diverse esigenze per essere autorizzati all’effettivo spostamento attraverso l’esibizione di una autodichiarazione. 

Le nuove regole restrittive valgono per tutta Italia.

Coronavirus, Oms: “No all’assunzione di ibuprofene se si sospetta infezione”

finlumia_coronavirus_covid19_ibuprofene

e si ha il sospetto di essere stati contagiati dal Coronavirus l’assunzione di farmaci antifiammatori a base di ibuprofene (per intenderci, Nurofen, Cibalgina, Moment e Antalgil fra i più noti) è fortemente sconsigliata in assenza di adeguato consulto medico.A dirlo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). “Raccomandiamo il paracetamolo, non l’ibuprofene, per l’automedicazione”, ha detto Christian Lindmeier portavoce dell’Oms nel corso di una conferenza stampa a Ginevra, specificando che non ci sono studi recenti che collegano direttamente il farmaco antinfiammatorio con un aumento dei tassi di mortalità, ma spiegando che gli esperti sono al lavoro per far luce sulla questione.

Su un recente articolo apparso sulla rivista scientifica The Lancet, infatti, era stata avanzata l’ipotesi che alcuni farmaci, incluso l’ibuprofene, possano rappresentare un rischio per i pazienti con Covid-19 che soffrono anche di ipertensione o diabete.

Già nei giorni scorsi Olivier Véran aveva diffuso la raccomandazione attraverso un tweet sul suo profilo social

https://www.quotidianonapoli.it/2020/03/17/coronavirus-oms-no-allassunzione-di-ibuprofene-se-si-sospetta-infezione/

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder